3 anni di Storie di Apple (e 15 di Mac)

 Articolo pubblicato il 18/10/2009 che parla di Novità 

Tre anni fa, il 18/10/2006, nasceva Storie di Apple.

Cafepress - spille Storie di AppleIn questi anni Apple è cambiata profondamente, affrontando una nuova migrazione hardware (quella a processori Intel) e lanciando un prodotto (l’iPhone) che l’ha portata in nuovi mercati.

Per Storie di Apple vuol semplicemente dire che c’è un panorama ancora più ricco e vario di “storie vecchie e nuove della mela di Cupertino” da indagare, esplorare, raccontare e condividere.

Mi auguro quindi che continuerete a seguire il sito web, gli appuntamenti su carta e gli sporadici interventi dal vivo in giro per l’Italia. Gli spunti di certo non mancano e nei prossimi mesi faranno finalmente capolino anche alcune nuove ricostruzioni e interviste esclusive a chi ha lavorato sul Mac e sui suoi software.

La coincidenza vuole che per il sottoscritto la data di oggi segni anche quindici anni dall’acquisto del primo Macintosh. Era infatti il 18 ottobre del 1994 quando mi vennero recapitati a casa un Macintosh LC630 con 8MB di Ram e disco fisso da 250MB, un monitor 14″ RGB Trinitron ed una stampante Apple Personal Laser Writer 320 per un totale (Iva inclusa) di 5’170’110 Lire.

L’LC, con la sua limitata CPU 68LC040 (ma una Ram raddoppiata rispetto allo standard) è stato protagonista delle mie prime produzioni grafiche (icone incluse), web e musicali.
Qualche anno dopo, insieme al monitor, è stato permutato per affrontare la spesa di un PowerMac 8100 di seconda mano.

La stampante laser, che all’epoca costò ben 1’600’000 Lire (ho qui di fianco la fattura) è invece rimasta in attività per più di quattordici anni. È passata di Mac in Mac e di sistema operativo sino a un PowerMac G4 Quicksilver, a cui era collegata con un complesso giro di adattatore Farallon e router ethernet, ed è stata sostituita solo qualche mese fa da una più moderna (ma funzionalmente più modesta) stampantina laser USB.

L’immagine dell’LC 630 è tratta da Low End Mac.

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  


Nessun commento »

Nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin