30 anni di Apple II

 Articolo pubblicato il 16/04/2007 che parla di Calendario,Eventi,Hardware 

Trenta anni fa l’Apple II veniva presentato al mondo.

E il mondo non è stato più lo stesso. O perlomeno non lo è stata quella vasta fetta di mondo toccata dall’informatica “personale”, che si è intrufolata sempre di più nelle case e nelle vite delle persone comuni, grazie alla seconda creatura del duo Wozniak/Jobs.

Jobs e Wozniak nel 1977Era il 16 aprile 1977 quando alla prima “West Coast Computer Faire”, manifestazione californiana della nascente industria basata sul silicio, un insolitamente elegante Steven P. Jobs introduceva i visitatori alla nuova meraviglia dell’azienda: l’Apple II.

Nello stand di Apple, vicino a un proiettore gigantesco e sotto il nuovo logo con la mela multicolore ideato da Rob Janoff, l’impettito Jobs metteva a frutto le sue capacità e decantava le molteplici meraviglie del nuovo computer mentre il mentore Mike Markkula stringeva accordi commerciali.

Apple IIL’Apple II rappresentava sotto vari punti di vista un salto notevole rispetto al primo pionieristico Apple I. Il nuovo hardware ideato da Wozniak e realizzato con i suoi collaboratori (tra cui Randy Wiggington) offriva al grande pubblico un elaboratore con grafica a colori ad un prezzo sino ad allora impensabile.

Ma oltre all’aspetto tecnologico c’era anche quello commerciale e demografico.
L’elettronica di Apple non era più venduta così com’era, nuda e cruda e affidata al lavoro addizionale di entusiastici e competenti hobbysti ma proposta in una forma subito utilizzabile dalla massa: l’Apple II aveva un alimentatore ed una tastiera incorporata ed era racchiuso in un elegante case dall’aspetto professionale.
Il case, voluto fortemente da Jobs, valorizzava il geniale lavoro di Wozniak e fu parte del successo del’Apple II che conquistò rivenditori e stampa prima e (tanti) utenti poi per più di un un decennio.

Immagini tratte da techrepublic.com e dalla gallery storica di Tom Munnecke

Volete approfondire?

 
15 commenti  


15 commenti »

  1. Visto la mia eta’ posso dire : IO C’ERO!
    Purtroppo pero’ a quei tempi era gia’ un lusso comprare le riviste che parlavano di computer: (io ero affezionato a CQ), neanche parlarne quindi di metterci le mani.
    Per il mio primo ZX80 ho dovuto aspettare il 1982 !!!
    Diciamo che nel 1976 qui da noi era ancora di moda l’elettronica cablata e nella mia azienda c’erano le schede perforate ;-) .
    Il boom sarebbe arrivato molto piu’ tardi.

    Ciao Nicola
    Giorgio

    commenti by giorgio morocutti — 17 aprile 2007 @ 1:35 pm

  2. Come dimenticare il mio primo amore? è stato un periodo bellissimo! e le emozioni che mi ha dato giocare ad “Avventura nel castello” di Colombini / Tovena sono irripetibili!.

    Ciao Nicola! complimenti per il tuo Sito! lo visito tutti i giorni!

    Alessandro

    commenti by Alessandro Gragnani — 17 aprile 2007 @ 2:13 pm

  3. Grazie dei complimenti, Alessandro. io tengo d’occhio il tuo Zeronave.
    Grazie anche a Giorgio che con altri mi sta facendo notare questo aspetto di “inarrivabilità” in Italia dell’Apple II, su cui sto preparando due righe…

    nda

    commenti by Nicola D'Agostino — 17 aprile 2007 @ 2:47 pm

  4. […] Dai primi commenti alla nostra celebrazione dell’Apple II e del suo ruolo di “apripista” nell’informatica personale ‘o casalinga) sembra emergere un quadro italiano radicalmente diverso da quello statunitense. […]

    Pingback by Storie di Apple » Apple II: e in Italia? — 17 aprile 2007 @ 2:54 pm

  5. Ah, bei tempi !!!
    Misi le mani sul primo Apple II al liceo, e con la prof di fisica creammo un programmino per calcolare l’orbita dello Shuttle, che veniva lanciato in quei giorni… Fu amore a prima vista.
    Poi nacque l’Italian Bit Club nella mia città, di cui divenni segretario e “inventore” (quante tavolette grafiche per Apple II che ho dovuto fare… e quante espansioni per IIe…!)
    Il mio primo “Apple” fu il IIe, conquistato a fatica (pecuniaria) quando bastava essere giornalisti per avere gli sconti Apple (e per l’occasione eravamo tutti giornalisti al Bit Club :) ).
    I primi programmi (e 48K a disposizione, o quasi,quanti sembravano!) in BASIC e assembler (W la pagina $300!).
    Poi il IIc, il IIgs, e quindi il declino e il passaggio a Mac (quanto lo odiavo nel primo periodo… ma poi la resa fu incondizionata).
    …sniff quasi mi commuovo…

    commenti by JAW Software — 17 aprile 2007 @ 3:44 pm

  6. Dopo un primo approccio con un home computer all’inizio degli anni ’80 (Texas Instruments TI99) il mio primo personal computer e’ stato un Apple IIe (al quale qualche anno dopo ho affiancato un IIc). Le unità di memorizzazione dei dati e dei programmi erano due disk drives esterni per floppy da 5,25 pollici, capacità 160KB. La RAM era di 64KB, che portai a ben 1024KB utilizzando una scheda della Applied Engineering (la piastra madre di un PC IBM di quei tempi supportava al massimo 512KB di RAM, l’Olivetti M24 uscito dopo il PC IBM arrivava a 640KB). Era giunto il momento di comprare un monitor 12 pollici a fosfori verdi (inizialmente come video usavo il televisore).

    Per chi vuole seguire tutta la storia, il link e’
    http://www.maurizioberia.net/Maurizio/Museo/museo.htm

    commenti by Maurizio Beria — 17 aprile 2007 @ 8:48 pm

  7. Non ricordo esattamente le date, non sono così antico, ma ebbene mi innamoro del computer con uno ZX80 del fratello di un amico a circa dieci anni. Da lì a poco acquisto lo ZXSpectrum che tengo per molto tempo. Dopo pochi anni di uso dello ZX, affezionato a riviste di scambio software, come MC, trovo un APPLE II EUROPLUS usato nella mia città.
    L’amore è grande e dura ancora, tanto che ho trovato recentemente usati un IIe ed un IIGS. Quest’ultimo non l’ho mai comprato, anzi, posso dire di averlo snobbato al tempo. Mi innamorai a prima vista del Macintosh 128K che veniva presentato quasi contestualmente al IIgs. Troppo costosi da prendere fin dall’inizio. Approfittai di uno sconto studenti Apple ed acquistai il mitico PLUS con tanto di floppy drive esterno ed ImageWriter II. Una vera stampante indistruttibile, che mi funzionò anche da scanner con il Mac II.
    Che dire. Quando si stava peggio era meglio.
    Le schede di queste macchine, credo che si rompano solo con il martello. E’ da circa il 1996 che l’hardware non è così resistente, ma pare sia l’unico modo per fare evolvere la tecnica. Chissà se i ragazzi di oggi tra circa 30 anni diranno altrettanto dei vari G5, MacMini, Imac, MacBook, PB.

    commenti by Riccardo — 18 aprile 2007 @ 4:08 pm

  8. […] Come ci segnalano gli amici di melablog, la creatività della PodBrix non ha fine e questa volta è il turno di una riproduzione con i mattoncini Lego di una ipotetica scena degli anni settanta (come si legge nel calendario 16 aprile 1977), con Steve Jobs e Steve Wozniak, Steve e Woz per gli amici, intenti a lavorare all’Apple II. […]

    Pingback by Steve e Woz da PodPrix — 28 agosto 2007 @ 10:08 pm

  9. […] Steve e Woz da PodPrix Come ci segnalano gli amici di melablog, la creatività della PodBrix non ha fine e questa volta è il turno di una riproduzione con i mattoncini Lego di una ipotetica scena degli anni settanta (come si legge nel calendario 16 aprile 1977), con Steve Jobs e Steve Wozniak, Steve e Woz per gli amici, intenti a lavorare all’Apple II. […]

    Pingback by Ilgenio.com » Steve e Woz da PodPrix — 20 ottobre 2007 @ 10:19 am

  10. […] All’inizio del gennaio del 1978 Jef Raskin entrò ufficialmente in Apple divenendone il trentunesimo impiegato e assumendo il ruolo di “manager of Publications”. Raskin collaborarava già da alcuni mesi con Jobs e Wozniak che aveva incontrato nel 1977 alla presentazione dell’Apple II e per cui aveva realizzato il manuale di programmazione in BASIC. […]

    Pingback by Storie di Apple » It was thirty years ago today… — 6 gennaio 2008 @ 10:16 pm

  11. […] È un Apple II molto particolare quello messo in vendita su eBay nel mese di settembre 2008 e infine aggiudicato per ottocento dollari. […]

    Pingback by Storie di Apple » L’Apple II di Jef Raskin — 26 settembre 2008 @ 4:19 pm

  12. […] Il bilancio complessivo della piattaforma Apple II era invece di 16 anni abbondanti (a partire dall’aprile 1977) e circa cinque milioni di unità vendute nel complesso. […]

    Pingback by Storie di Apple » Addio, Apple II — 12 novembre 2008 @ 4:33 pm

  13. […] Una delle burle più clamorose di Wozniak ebbe luogo alla prima “West Coast Computer Faire” nell’aprile 1977 proprio in concomitanza alla presentazione dell’Apple II. […]

    Pingback by Storie di Apple - Gli scherzi di Woz - Largo allo Zaltair — 1 febbraio 2009 @ 3:49 pm

  14. […] nascente mercato del personal computer. Questo nonostante il primato storico di Apple con l’Apple II e la netta superiorità tecnologica dei prodotti che seguirono come il Lisa ed il Macintosh. Nelle […]

    Pingback by Storie di Apple – MacCharlie, una fetta di IBM per il Macintosh — 4 marzo 2010 @ 11:03 am

  15. […] computer che ha dato il “la” alla nascita di un’industria fu presentato alla manifestazione californiana “West Coast Computer Faire” nei giorni 16 e 17 aprile […]

    Pingback by Nicola D'Agostino » Mytech – Apple II: un trentennio di informatica — 27 marzo 2013 @ 11:27 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin