Boynton, Hullot, Serlet, Ohlfs: dove sono adesso?

 Articolo pubblicato il 13/11/2008 che parla di Personaggi,Software 

Il Workspace Manager di NeXTSTEP è la parte del sistema operativo con cui l’utente ha che fare quotidianamente nella manipolazione di documenti e nell’uso dei programmi. Funzionalmente equivalente al Finder del vecchio Mac OS ne differisce per il suo design, alcune funzionalità e per la sua navigazione a colonne, che Mac OS X ha ereditato.

Richiamando la finestra delle informazioni, come autori di Workspace Manager compaiono quattro i nomi, quelli di Lee Boynton, Jean-Marie Hullot, Bertrand Serlet e Keith Ohlfs.

schermata del Workspace Manager

A più di dieci anni di distanza vediamo dove sono e cosa stanno facendo.

Dopo aver lasciato NeXT nel 1993
Lee Boynton ha lavorato per varie aziende, tra cui una sussidiaria di Sun Microsystems ed è attualmente in forze a Yahoo!, dove è arrivato nel 2006.

Jean-Marie Hullot nel 1996 ha seguito Jobs ad Apple. Qui ha adattato Interface Builder, il suo tool per creare interfacce, per il Mac. Ha poi sviluppato ex novo iCal ed infine ha lasciato l’azienda di Cupertino (si mormora in seguito a lotte intestine per aggiudicarsi lo sviluppo software delll’iPhone). Nel 2008 ha lanciato uno strumento di gestione di foto online, la webapp Fotonauts, e poi una fortunata serie di app di foto tematiche, Fotopedia.

Bertrand Serlet, prima di NeXT è stato per quattro anni allo Xerox PARC. Anche lui ha seguito Jobs in Apple dove ha preso il posto di Avie Tevanian e per alcuni anni ha supervisionato lo sviluppo di Mac OS X (e non solo) con il ruolo di “Senior Vice President of Software Engineering”. Ha lasciato Apple nel marzo 2011.

In quanto a Keith Ohlfs, che ideò il design dell’interfaccia utente del NeXT e prima ancora quella di Illustrator della Adobe, ha lavorato in Dreamworks e poi in Microsoft, a WebTV. Oggi fa parte del team della Vudu che propone un suo sistema di distribuzione di film in digitale.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
1 commento  


1 commento »

  1. Una delle font di sistema di Rhapsody Developer Release 2 si chiama proprio Ohlfs. :)

    Ciao!
    Riccardo

    commenti by Riccardo Mori — 18 Novembre 2008 @ 11:46 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin