Buon compleanno, iPod!

 Articolo pubblicato il 23/10/2006 che parla di Eventi,Hardware,Personaggi 

Oggi il riproduttore digitale di Apple compie cinque anni di vita.

I festeggiamenti in realtà sono cominciati da un po’ ma gli auguri andrebbero fatti oggi. La data di nascita dell’erede “made in Cupertino” del walkman è il 23 ottobre 2001, come recita il comunicato stampa originale in inglese. La disponibilità effettiva nei negozi invece fu solo nel mese successivo, per la precisione il 10 novembre.

5 anni di iPodL’arco temporale 2001-2006 costituisce per Apple un periodo denso di eventi e sopratutto di successi targati iPod, arrivati più volte a sorpresa e smentendo critiche e perplessità.
Due casi eclatanti di accoglienza inzialmente tiepida o proprio fredda sono costituiti dal primo iPod, nome in codice “Dulcimer”, e dalla linea degli iPod mini. Definiti inutili, costosi, limitati come funzioni furono però vendutissimi e contribuirono alla iPod mania, fenomeno mondiale tutt’ora in corso che ha accresciuto introiti e visibilità del marchio Apple permettendole di diventare l’erede della Sony e di mettere un piede nell’elettronica di consumo e nella distribuzione digitale di musica.

Chi si aspetta qualche tipo di celebrazione da parte di Apple rimarrà molto probabilmente deluso: l’azienda non ha festeggiato nemmeno il suo trentennale, nell’aprile del 2006 e guarda avanti a nuovi modelli e a nuovi mercati, chiave del successo dell’iPod rispetto alla concorrenza di inseguitori. A suo modo però Apple permette di ripercorrere la storia dell’iPod con una nota tecnica pubblicata sul suo sito in questi giorni che elenca i diversi modelli succedutisi sino ad oggi. In ordine cronologico inverso si va dal primo iPod con disco da 5 GB, schermo monocromatico, controlli meccanici e connessione esclusivamente Firewire all’attuale e superminimale Shuffle di seconda generazione e per i più curiosi esiste anche una guida alle connessioni e controlli dei ben 30 modelli che testimonia la costante ricerca sul design dei riproduttori digitali.

Tony FadellSe Apple non pare mostrare alcun tipo di emozione per l’anniversario probabilmente non è così per chi l’iPod lo ha ideato.
Il nome che si fa più spesso è quello di Tony Fadell che la leggenda vuole demiurgo dell’iPod in virtù della sua esperienza con palmari presso Philips e General Magic, iniziativa finanziata da Apple stessa.
John RubinsteinAltri invece obiettano candidando piuttosto Jon Rubinstein fino a pochi mesi fa vicepresidente Apple responsabile dell’Hardware Engineering che a Fadell diede l’incarico di sviluppare il fortunato lettore. Certo è che la posizione raggiunta da Fadell nell’organigramma cupertiniano, dove dall’aprile di quest’anno è vice presidente senior della divisione iPod è un indice significativo della sua importanza storica.

Citiamo anche la tesi di Leander Kahney, autore dei libri “The Cult of Mac” e “The Cult of IPod” che suggerisce di usare il plurale e parlare di genitori dell’iPod. Secondo Kahney la creazione dell’iPod è stata un lavoro di gruppo e evidenzia il ruolo di varie figure dentro ma anche fuori Apple. Quindi Fadell e Rubinstein ma anche la Toshiba, con i suoi primi dischi da 1,8 pollici, e la startup PortalPlayer, da cui l’azienda di Cupertino comprò gli schemi elettronici di riferimento che modificò per creare l’iPod.

Johnatan IveDa non sottovalutare l’apporto del designer Jonathan Ive, quello di Steve Jobs, che diede l’ok a Rubinstein per il progetto e supervisionò la trasformazione del programma Sound Jam MP in iTunes oppure quello di Phil Schiller, il braccio destro di Jobs, che pare abbia suggerito l’uso della ruota come controllo delle funzioni, da cui la tanto imitata “click wheel”, la ghiera cliccabile dell’iPod.

Steve JobsParticolare meno noto ma non trascurabile infine è che l’interfaccia utente di Apple, quella per cui Jobs & C. hanno dovuto riconoscere la paternità e versare a Creative 100 milioni di dollari poggia sull’opera di Paul Mercer e della Pixo, di cui sicuramente riparleremo in futuro.

Foto tratte da www.apple.com

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , ,
 
9 commenti  


9 commenti »

  1. […] Buon compleanno, iPod! @Storie di Apple […]

    Pingback by iPod Journal.it » Link per il quinto compleanno di iPod — 24 ottobre 2006 @ 2:27 pm

  2. […] Se il 23 si festeggia la nascita dell’iPod in questi giorni ci sono però altre tre date importanti da festeggiare. […]

    Pingback by Storie di Apple » A ottobre è festa per Apple — 26 ottobre 2006 @ 6:35 pm

  3. […] Proposto senza tastiera nè mouse, era un G4 di media potenza rivolto ad un pubblico di “switcher”, gli utenti provenienti dal mondo Windows a cui l’azienda puntava con sempre maggiore forza anche grazie all’effetto di attrazione e conversione dell’iPod. Grazie al Mac mini i neoutenti potevano riciclare le proprie periferiche e entrare nel mondo Apple con una spesa contenuta, 499 dollari: due elementi che contribuivano ad abbattere la ritrosia contro ii Macintosh perché percepiti come computer costosi. […]

    Pingback by Storie di Apple » Due anni di Mac mini — 15 gennaio 2007 @ 1:31 am

  4. articolo DEL.IZI.OSO !!!

    commenti by kOoLiNuS — 8 novembre 2007 @ 12:06 am

  5. […] Ottobre 2001: Apple presenta il suo walkman digitiale, l’iPod. […]

    Pingback by Storie di Apple » Una scalata lunga cinque anni — 29 aprile 2008 @ 4:22 pm

  6. […] In tempi più recenti non si può fare a meno di ricordare il compleanno dell’iPod, colonna portante di Apple negli ultimi anni. La presentazione alla stampa del lettore digitale fu il 21 ottobre 2001, in una performance da molti considerata uno dei punti più alti della sua opera di convincimento e promozione su un palco. […]

    Pingback by Storie di Apple » Anniversari importanti — 23 ottobre 2008 @ 6:20 pm

  7. […] qualche anno fa molti scommettevano sul fedele Phil Schiller o sul giovane Tim Fadell, entrambi fondamentali per la nascita dell’iPod in tempi più recenti si è fatto il nome di Ron […]

    Pingback by Nicola D'Agostino » Mytech – Apple? Può fare a meno di Steve Jobs — 23 marzo 2013 @ 9:51 pm

  8. […] affascinante è l’attenzione prestata ai “padri dell’iPod” ed in generale all’evoluzione della tecnologia degli mp3 player e della musica digital […]

    Pingback by Storie di Apple – “The Perfect Thing” — 26 luglio 2014 @ 11:00 pm

  9. […] rimpasto rifletté il contributo alla nascita e sviluppo dell’iPod dato da alcuni dirigenti, nello specifico da Jon Rubinstein, fido collaboratore di Steve Jobs sin dal 1990, che tra i tanti […]

    Pingback by Storie di Apple – La iPod Division — 5 maggio 2015 @ 1:27 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin