“Firing Steve Jobs”: un documentario su John Sculley

 Articolo pubblicato il 20/07/2017 che parla di Novità 

“Firing Steve Jobs” è un documentario indipendente su uno dei momenti più drammatici e importanti nella vita di Steve Jobs: l’abbandono forzato di Apple nella metà degli anni Ottanta.

Il progetto è nella fase finale di finanziamento su Kickstarter e restano alcuni giorni per sostenerlo scegliendo una delle ricompense. Si va da un piccolo contributo da 5 dollari ai 5000 dollari con cui si assume il ruolo di “Corporate Sponsor” dell’iniziativa.

Il documentario si concentrerà sull’ex amministratore delegato di Apple, John Sculley, che dopo aver estromesso Jobs nel 1985 guidò l’azienda sino al 1993 e sull’investitore Armas Clifford “Mike” Markkula Jr., il primo e probabilmente il più importante dei sostenitori di Apple, cruciale per la sua trasformazione in corporazione nel gennaio del 1977.

“Firing Steve Jobs” vedrà inoltre la partecipazione di altri miti di Silicon Valley e degli albori dell’era dei Personal Computer come Steve Wozniak, Andy Hertzfeld, Larry Tesler, Jay Elliot, Paul Terrel, Chuck Peddle, Alvy Ray Smith e Alan Cooper.

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  

Su Instagram e Patreon!

 Articolo pubblicato il 18/01/2017 che parla di Novità 

Il 2017 di Storie di Apple inizia con due grosse novità.

La prima è che dopo Twitter, Google+ e Tumblr (dove ci sono ormai più di 1700 post), ha una presenza nuova di zecca su Instagram.

Instagram è popolato da storici, collezionisti ed appassionati e ora anche Storie di Apple (per la precisione la sua incarnazione internazionale) è lì, per condividere immagini ed interagire con altri fan di Apple… voi inclusi!
Cosa aspettate? Seguite Stories of Apple su Instagram!

La seconda novità, che si spera abbia un grosso impatto positivo sul futuro di questo sito (e della sua controparte anglofona), è aver seguito l’esempio di altri autori ed editori indipendenti con un esordio sul sito di crowdfunding Patreon!

Questo sito web ha sempre pubblicato i contenuti in forma totalmente gratuita e ha sempre evitato di mostrare pubblicità intrusive (e brutte) o post “sponsorizzati”. E proseguirà su questa strada.
Per questo, che siate nuovi lettori o fan storici, vi chiedo di iscrivervi a Patreon e sostenere il progetto Storie di Apple da lì, diventando un Patron, ovvero un (piccolo) mecenate.
Con il vostro sostegno economico finanzierete concretamente la creazione di nuovi articoli in inglese e in italiano, donando una piccola (o grande, fate voi) quota mensile.

Su Patreon ci sono diversi livelli per contribuire (spero vi piacciano i titoli che ho scelto) a cui sono legate rispettive ricompense, a partire dal poter fruire in anteprima di quanto prodotto passando per il decidere o anche richiedere approfondimenti su un prodotto o momento storico.

Vi invito a leggere la spiegazione dettagliata in inglese su Patreon di quali sono i piani per il futuro e di come potete aiutare a produrre tanti ottimi articoli e interviste sulla storia di Apple!

Thanks for your support

Thanks for your support, ovvero: grazie per il vostro sostegno! :)

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  

Gli articoli più letti del 2015

 Articolo pubblicato il 08/01/2016 che parla di Novità 

Prima di ricominciare a pubblicare è giunto il momento di fare un bilancio sull’anno da poco concluso.
Quali e quanti articoli sono stati pubblicati? E quali sono quelli più graditi dai lettori?

Il totale del 2015 è di oltre venti post, all’incirca due al mese*. Oltre ai consueti articoli di approfondimento c’è stato anche qualche esperimento. Sono comparsi dei quiz ed è iniziata una nuova serie sui software “indispensabili” per utenti ed appassionati di Apple.

sda-quizeindispensabili
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  

Mac OS 9: ancora vivo e vegeto dopo 15 anni

 Articolo pubblicato il 02/12/2015 che parla di Novità 

Nell’autunno del 1999 Apple presentò Mac OS 9, l’ultima versione del Mac OS “classic”, per poi seppellirlo (letteralmente) meno di tre anni dopo, nel maggio 2002, durante la WWDC (WorldWide Developer Conference).

Durante il keynote, Steve Jobs tenne una cerimonia simbolica, durante la quale rinchiuse una scatola gigante di Mac OS 9 in una bara dopo un’omelia funebre comica e un po’ irriverente, completa d’accompagnamento d’organo.

Eppure, nonostante l’addio ufficiale, il “vecchio” sistema operativo si rifiuta di riposare “nel gran cestino di bit in cielo” dove l’iCEO l’aveva cacciato in fretta e furia.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Apple e gli U2

 Articolo pubblicato il 06/10/2015 che parla di Novità 

u2-bonostevejobstheedge

“Abbiamo visto Apple creare l’iTunes Store. Ci hanno contattati e chiesto di parlarne, di discutere dell’impatto che avrebbe avuto sulla nostra esistenza, se sarebbe stato un fallimento o un successo. Noi ci siamo entusiasmati parecchio;” “È abbastanza straordinario come le case discografiche non abbiano risolto il problema della pirateria: è pazzesco, no?”

Sono le parole di Paul David Hewson, meglio noto come Bono, cantante del gruppo irlandese U2, che nell’ottobre del 2004 salì insieme al chitarrista The Edge sul palco del California Theatre, dov’era stato invitato da Steve Jobs. Fu il culmine di uno “Special Music Event” pieno di novità, di cui una buona metà venne dedicato alla band.

La collaborazione aveva avuto inizio già l’anno precedente, nell’aprile 2003, quando Bono era apparso nel video di presentazione dell’iTunes Music Store. Qualche mese dopo il cantante aveva fatto una breve comparsa via iChat durante la versione per l’utenza Windows, definendo l’iPod e iTunes “una cosa molto bella per i musicisti e la musica”.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
Avete dei commenti?  

Un anno di Storie di Apple su Tumblr

 Articolo pubblicato il 10/07/2015 che parla di Novità 

Nel luglio 2014 ho annunciato ai lettori anglofoni la nascita di una nuova risorsa online con “citazioni, immagini e altro materiale memorabile dalla Storia di Apple”: Stories of Apple su Tumblr.

Stories of Apple on Tumblr - header

Un anno più tardi noto con un certo orgoglio che l’iniziativa ha raccolto quasi 7200 follower e più di 600 post in archivio da leggere, apprezzare con un like e magari ripubblicare con un retumblr sul vostro account.

A tutti i post sono stati accuratamente apposti numerosi tag così che sia possibile recuperare tutti i contenuti su argomenti specifici, come il Lisa, Sir Jonathan Ive o i vari prototipi di Apple. Non solo: si possono anche fare ricerche per anno, ad esempio selezionando prodotti o avvenimenti del 1983, 1997, 2001 o del 2007 (sono sicuro che riconoscerete queste queste date come importanti).

Stories of Apple on Tumblr - July 2015

Ho da parte una gran quantità di citazioni, immagini, grafici, video, registrazioni audio, e nei prossimi mesi (se non anni) continuerò a pubblicare tutto su Tumblr. Lavorerò inoltre di accumulo e utilizzerò alcuni dei trend e argomenti che affiorano su Tumblr per realizzare approfondimenti sotto forma di post più canonici qui, sul sito web di Storie di Apple (nonché su Stories of Apple).

Nel frattempo vi ringrazio di continuare a leggere, ricondividere, commentare, suggerire e segnalare errori. E se non lo state già facendo seguite Stories of Apple su Tumblr!

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
1 commento  

“I Macintosh made in Italy” e “I molti sistemi operativi del Lisa”: due vecchie storie di Apple da rileggere

 Articolo pubblicato il 24/03/2015 che parla di Novità 

L’obiettivo di Storie di Apple è di fornire un quadro più completo possibile su persone, prodotti ed eventi dell’azienda cofondata da Jobs e Wozniak, tramite un minuzioso e costante lavoro di ricerca, analisi e sintesi.
Questo vuol dire che non solo vengono elaborati nuovi contenuti, ma che vengono modificati ed aggiornati anche i contenuti già editi, sulla base di elementi emersi nel frattempo.

duevecchiestoriediappledarileggereÈ il caso di due vecchi articoli che risalgono al 2009 e al 2010, ovvero:

  • “I Macintosh made in Italy”
    Sono in pochi a saperlo e ancora in meno ad averne avuto uno tra le mani ma per un breve periodo il Mac è stato prodotto anche in Italia.
     
  • “I molti sistemi operativi del Lisa”
    Dal Lisa OS al CP/M: andiamo alla scoperta della storia segreta dei software di sistema del primo, sfortunato computer con interfaccia grafica di Apple.

Entrambe le storie sono state modificate nel testo e soprattutto arricchite nella parte iconografica.
Vi consiglio caldamente di [ri]leggerle.

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin