Applicando 307: “focus su Steve Jobs”

 Articolo pubblicato il 01/12/2011 che parla di Novità 

Anche se questo mese non c’è la rubrica di Storie di Apple gli appassionati di storia di Apple non rimarranno delusi dal numero di dicembre di Applicando. La rivista contiene infatti uno speciale di dieci pagine, intitolato “What a life! – Che vita!” sulla vita del cofondatore e ex amministratore delegato dell’azienda, recentemente scomparso.

Metà dello speciale è occupato da una timeline in trenta punti curata dal sottoscritto.

copertina di Applicando 307Applicando 307 - speciale su Steve JobsApplicando 307 - speciale su Steve Jobs

In una timeline approfondita si ripercorrono i momenti salienti di Apple e delle altre iniziative imprenditoriali di Steve Jobs, dalla prima fondazione nel 1976 sino al passaggio di testimone lo scorso agosto.
Ci sono eventi ormai celebri come la presentazione del Macintosh nel febbraio 1984 o quella dell’iPod nell’ottobre 2001 ma anche episodi meno felici o noti, sintetizzati in poche centinaia di caratteri ma con tutte le informazioni chiave, numeri e dati economici e anche qualche curiosità e aneddoto.

Vi auguro una buona lettura e spero che lo speciale vi piaccia!

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
Avete dei commenti?  

Storie di Apple è anche su Google+

 Articolo pubblicato il 14/11/2011 che parla di Novità 

A chi ha un account sul servizio di social networking di Google potrà interessare che da qualche giorno esiste anche una pagina dedicata a Storie di Apple, creata dal sottoscritto.

Storie di Apple su Google+

Oltre alle segnalazioni degli articoli che appaiono qui, su Google+ troverete anche alcuni contenuti accessori e inediti.
Sono immagini, video e altre “microstorie” di Apple, come anche retroscena del lavoro di ricerca e produzione degli articoli.

I post sono tutti pubblici e leggibili anche da chi non è iscritto a Google+ ma se avete un account potete aggiungere la pagina alle vostre Cerchie (Circles) per seguire più comodamente Storie di Apple, commentare e interagire con quanto pubblicato e ovviamente usare il pulsante +1 per esprimere il vostro apprezzamento.

Consideratelo un canale ulteriore a vostra disposizione, con altre informazioni e spunti utili a chi vuole approfondire e capire le vicende di Infinite Loop, dei suoi computer, programmi e delle persone che li hanno ideati e realizzati.

Volete approfondire?

 
Avete dei commenti?  

1955-2011

 Articolo pubblicato il 06/10/2011 che parla di Novità,Personaggi 

53544556454A4F4253

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
1 commento  

Video per tutti, su Storie di Apple

 Articolo pubblicato il 10/03/2011 che parla di Novità 

Segnalo che negli scorsi giorni sono stati modificati alcuni vecchi articoli di Storie di Apple che contenevano video da YouTube.

È stato sostituito il vecchio codice e ora i filmati sono fruibili anche da computer e dispositivi che non supportano Adobe Flash (o che non lo usano per scelta). Tra questi ci sono ovviamente l’iPhone, l’iPod touch e l’iPad.

Con il nuovo codice -a patto di avere un browser moderno- i filmati vengono proposti anche in altri formati come l’MP4 (.m4v) o il WebM di Google.

Gli articoli sono i seguenti:

Buona rilettura e buona visione.

Volete approfondire?

 
1 commento  

Captain Crunch ha bisogno di una mano

 Articolo pubblicato il 05/12/2010 che parla di Novità,Personaggi 

Una delle icone dell’hacking nonché figura importante nella storia di Apple, Jon Draper, ha bisogno di soldi per venire operato: in caso contrario rischia a breve di non essere più in grado di programmare o di scrivere dato che potrebbe perdere l’uso delle mani.

savingcaptaincrunch.comSecondo quanto scritto su Facebook e poi ripubblicato sul sito web savingcaptaincrunch.com sembra che a causa di un’accoglienza un po’ troppo energica di un fan Captain Crunch ha subito un grave trauma:

Alcuni nervi importanti sono bloccati e nonostante terapie e medicine, dita e braccia di Crunch sono prossime alla paralisi totale.
[…]
Il dolore di Crunch è tale che la mattina riesce a malapena a infilare le scarpe. Uno dei pionieri del Word Processor non riesce quasi più a digitare e tantomeno a programmare. I medici gli hanno detto che nel giro di 3-6 mesi rischia di perdere completamente l’uso della mani perché i nervi bloccati dopo un periodo di tempo si atrofizzano.
[…]
Grazie a un’intervento chirurgico è possibile ripristinare i nervi […] La cattiva notizia è che Crunch non può permetterselo. Ci vogliono $6,000 per coprire la sua quota per l’intervento, $2,000 per la convalescenza e altri soldi ancora per le medicine e la riabilitazione per farlo tornare alla tastiera del suo Mac a scrivere e a programmare.

Potete aiutare l’uomo che ha ispirato Steve Wozniak e Steve Jobs a mettersi in affari, facendo una donazione per coprire le sue spese sanitare. Io l’ho fatto.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
Avete dei commenti?  

Quante canzoni ha venduto sinora Apple? Quasi dodici miliardi.

 Articolo pubblicato il 06/09/2010 che parla di Novità 

Segnalo a lettori, operatori e appassionati che sono stati aggiornati i dati sulle vendite dei brani audio nell’iTunes (Music) Store disponibili nell’archivio dei documenti di Storie di Apple.

I dati -con tanto di fonti- includono tutti i traguardi raggiunti in questi otto anni dall’azienda di Cupertino.
Steve Jobs e dati iTunesLe cifre vanno dalla data in cui lo Store è stato lanciato, il 28 aprile 2003, al primo settembre di quest’anno, quando -durante l’Apple Fall 2010 event– Steve Jobs ha comunicato che i download audio hanno superato quota 11,7 miliardi.

Il foglio di calcolo è disponibile in tre versioni. Uno è il proprietario ma diffuso XLS di Excel ed i due formati standard e multipiattaforma: CSV (testo con campi delimitati da virgole) e TXT (sempre testo ma con campi delimitati da spazi).
Fatene buon uso.

L’immagine è tratta dal reportage di Engadget.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
2 commenti  

L’iniziativa “Apple Clean Earth Campaign”

 Articolo pubblicato il 22/06/2010 che parla di Novità 

Già negli anni ’90 Apple faceva attenzione a consumi, riciclo e materiali usati nei suoi prodotti.

Le confezioni di Macintosh e periferiche varie (monitor, tastiere, mouse, stampanti, schede di espansione…) non erano patinate e a colori ma in monocromatico e stampate direttamente sulla superficie di cartone della scatola, con un efficace e caratteristico stile minimalista.

Apple Clean Earth CampaignApple inoltre aveva in corso programmi per il ritiro di materiali inquinanti e pericolosi per l’ambiente.
Ad esempio nel 1995 con il toner delle stampanti LaserWriter veniva allegato un opuscolo informativo sull’iniziativa “Apple Clean Earth Campaign”.

Nell’opuscolo -stampato in bianco e nero su carta riciclata- si spiegava come imballare e spedire a Apple le cartucce una volta esauste. La spedizione era a carico dell’azienda.

Purtroppo la lodevole iniziativa non era attiva in tutto il mondo ma solo in alcuni stati. Nel vecchio continente la lista includeva gran parte dell’Europa “occidentale”: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Lussemburgo, Olanda, Spagna, Svezia e anche il Regno Unito. All’appello mancavano diversi paesi tra cui -sfortunatamente- l’Italia.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin