Larry Tesler, lo Xerox PARC ed Apple

 Articolo pubblicato il 10/01/2017 che parla di Personaggi 

Il 9 novembre 2011 un gruppo composto da ingegneri e altre persone che hanno lavorato con Steve Jobs ha parlato del cofondatore di Apple e Pixar dinanzi ad una platea radunata dal
Churchill Club, organizzazione senza scopo di lucro della Silicon Valley.

2011-churchillclub-stevejobs

Tra le persone sul palco c’era lo sviluppatore Larry Tesler, che dopo aver lavorato presso il celebre centro di ricerca PARC della Xerox, dove (tra le altre cose) ha inventato la tecnica del copia e incolla oggi usata su ogni computer, è stato per 17 anni in Apple, in qualità di vicepresidente del dipartimento per le tecnologie avanzate e poi “Scienziato in capo” dell’azienda.

Mi sono preso la libertà di trascrivere (e redigere un po’) l’intervento di sei minuti, disponibile in un video (a partire da 30:45, ma esiste anche un estratto), in cui Tesler racconta i rapporti tra Apple e il PARC, di cui è stato testimone diretto.

“Alla scadenza dei brevetti, le aziende asiatiche iniziarono a fare molta concorrenza a Xerox nel settore delle fotocopiatrici. L’azienda si rese conto che i suoi costi di produzione erano molto alti e questo rendeva problematico tenere testa ai concorrenti.
Ma avevano anche il centro di ricerca PARC, dove si sviluppavano tecnologie molto interessanti, tra cui Ethernet, le interfacce grafiche basate su finestre e versioni migliorate del mouse.


[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

I primi font del Macintosh

 Articolo pubblicato il 02/09/2015 che parla di Lo sapevate che...,Personaggi,Software 

Nell’agosto del 1983, dopo aver passato più di sei mesi a sfornare simboli e icone per i file e menù del Macintosh, l’attenzione della designer Susan Kare si concentrò su un aspetto che le stava molto a cuore, quello dei caratteri tipografici.

Apple Macintosh Commercial - Susan Kare

All’epoca, sulla stragrande maggioranza dei personal computer, ogni lettera occupava uno spazio identico a prescindere dalla forma. Grazie al suo schermo bitmap ad alta risoluzione (e all’ossessione di Steve Jobs per la calligrafia) il Macintosh era in grado di mostrare font proporzionali, “lasciandosi alle spalle la tirannia degli alfabeti monospaziati con le loro ‘m’ strette e le ‘i’ larghe” come ricorda la Kare.

L’infaticabile progettista Bill Atkinson aveva già dotato il Macintosh di due font, uno calligrafico e uno di fortuna, convertito dai sistemi Smalltalk della Xerox, a cui Apple si era ispirata.

xeroxfonts-byte081981pag120

Libera dalla necessità di realizzare versioni digitali di font preesistenti, scalabili o di versioni per la stampa, la designer puntò a ottimizzare al massimo la leggibilità dei caratteri a schermo creando nuovi font bitmap in grandezze specifiche, operando come suo solito un controllo pressoché totale su ogni pixel.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  

E allora fammi causa!

 Articolo pubblicato il 02/07/2015 che parla di Personaggi,Software 

Durante lo sviluppo del nuovo sistema operativo del Macintosh, il System 7, la Apple Computers era alle prese con i legali della Apple Corps dei Beatles. Le due aziende avevano già un patto risalente al 1981 che proibiva alla Apple Computers di operare nel settore musicale, ma nel 1989 si ritrovarono di nuovo in tribunale a causa dell’introduzione del MIDI e della registrazione audio sui computer Apple.

Jim ReekesUna delle caratteristiche del System 7 era un nuovo Sound Manager che sostituiva le vecchie API e, tra le altre cose, permetteva una riproduzione sonora di qualità molto più elevata. Vista la delicatezza della situazione, ogni novità nel settore audio veniva passata al vaglio dall’ufficio legale.

Jim Reekes, l’ingegnere che ha gestito lo sviluppo dell’audio dei Mac dal 1990 al 1999 e che, tra le altre cose*, ha prodotto l’accordo che accompagna l’avvio del computer, si sentì dire che uno dei nuovi suoni di avvertimento creati** per il System 7 era problematico. Secondo i legali di Infinite Loop era “troppo musicale” a causa del suo nome, “xylophone”, ed era quindi necessario ribattezzarlo.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Indovina chi è (con Jobs e Wozniak)

 Articolo pubblicato il 09/06/2015 che parla di Personaggi 

La foto qui sotto è stata scattata nel 1977 alla West Coast Computer Faire, dove Steve Jobs e Steve Wozniak presentarono al pubblico l’Apple II, riscuotendo notevole successo.

Jobs, Wozniak and

Nell’immagine, oltre a Jobs e Woz (notevoli i suoi baffi, vero?), c’è un’altra persona importante per la storia di Apple a cavallo tra anni ’70 e ’80.
Non solo si tratta di uno dei primissimi “impiegati” dell’azienda californiana ma anche di un amico di lunga, lunghissima data di Jobs.

Riuscite a indovinare di chi si tratta?

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
3 commenti  

La iPod Division

 Articolo pubblicato il 05/05/2015 che parla di Personaggi 

Nel maggio del 2004 Apple effettuò una riorganizzazione radicale della sua struttura, creando una “iPod Division”.

2004_ipod_with_earbudsFu una mossa necessaria a riflettere i cambiamenti in atto e a differenziare la gestione del settore computer dal resto, la cui importanza era in vertiginosa crescita, e segnò l’inizio di una trasformazione che sarebbe continuata negli anni seguenti.

Qualcosa del genere era già successo all’inizio degli anni ’80. Dopo un lungo periodo in cui l’azienda californiana aveva puntato su un unico prodotto, l’Apple II, la messa in cantiere di nuovi e ambiziosi progetti come l’Apple III, il Lisa e infine il Macintosh dettarono l’esigenza di differenziare e specializzare le risorse aziendali, dalla progettazione alla vendita passando per il marketing, l’assistenza e la documentazione.

In seguito la struttura aziendale di Apple si assestò sui due prodotti superstiti, con una divisione Apple II e una dedicata al Mac.

A partire dal 1993, con la dismissione dell’ultimo modello ancora in commercio di Apple II, l’organigramma di Apple rimase votato esclusivamente al Macintosh per oltre dieci anni. In questo periodo ci furono tentativi di differenziare l’attività con il Pippin oppure il Newton, ma la loro influenza fu passeggera e trascurabile sulle fortune e sulla struttura di Apple.

Tutto questo fino al 2001, quando venne lanciato il primo iPod.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Indovina chi è (con Steve Jobs)

 Articolo pubblicato il 30/04/2015 che parla di Personaggi 

Ecco un piccolo quiz per appassionati di storia informatica.
Nella foto qui sotto Steve Jobs è ritratto insieme a una persona che è stata molto importante nella sua carriera di imprenditore.

tumblr_m1oggusmmb1r597uso1_500

Riuscite a indovinare di chi si tratta?
Rispondete nei commenti oppure su twitter o su Google+.

p.s. Per facilitare un po’ specifichiamo che si tratta di un periodo in cui Steve Jobs non era in Apple

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
2 commenti  

Wozniak e le telefonate a sorpresa dall’aeroporto

 Articolo pubblicato il 01/04/2015 che parla di Personaggi 

Molte delle burle architettate da Steve Wozniak negli anni ’80 ruotano attorno all’utilizzo del telefono.

Wozniak con una Blue BoxPer anni Wozniak ha offerto sulla sua segreteria telefonica pesanti barzellette sui polacchi, ha sfruttato le “blue box” realizzate con Jobs per telefonare gratis al Papa fingendosi il segretario di stato Henry Kissinger e ha automatizzato i suoi scherzi telefonici sfruttando il modem per l’Apple II progettato dal suo amico Captain Crunch.

Alla lista di burle possiamo aggiungere un altro episodio, raccontato da Nolan Bushnell in “Chi sarà il prossimo Steve Jobs?”.

Bushnell ricorda che per alcuni anni, negli aeroporti degli Stati Uniti, c’erano schermi pubblicitari con sotto una fila di pulsanti. Premendoli si veniva immediatamente connessi a servizi per viaggiatori e turisti come alberghi e agenzie di autonoleggio.

Una sera sul tardi, Steve Wozniak decise di divertirsi un po’: guidò fino all’aeroporto di San Francisco e riprogrammò alcuni di quei servizi, cambiando i numeri di telefono delle varie aziende con quelli i suoi amici.

Nel cuore della notte, gli amici di Wozniak cominciarono a ricevere telefonate da gente che faceva domande come ‘Avete un auto di media cilindrata disponibile?’ e ‘Qual è il prezzo di una stanza?’

Nota: l’immagine di Wozniak è tratta da http://itrs.scu.edu/ratliff/cis/

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin