Dylan fa causa a Apple

 Articolo pubblicato il 22/06/2009 che parla di Lo sapevate che... 

Nell’estate del 1994 il cantante folk Bob Dylan fece causa a Apple per violazione di trademark. L’obiettivo del musicista era di impedire all’azienda di Cupertino di impiegare il suo nome in prodotti software.

Bob Dylan in Think DifferentLa causa verteva sul fatto che Apple aveva creato un nuovo linguaggio di programmazione per Macintosh ispirato allo Scheme e al Lisp e l’aveva chiamato ‘Dylan’.

Il linguaggio era stato ideato nei primi anni ’90 e pensato originariamente per sviluppare la piattaforma Newton. Sfortunatamente l’implementazione non era abbastanza matura e gli fu preferita una combinazione di C e di NewtonScript, linguaggio inventato da Walter Smith.

Internamente Dylan era noto con il nome in codice Ralph ed assunse solo in seguito il suo vero nome che, secondo lo sviluppatore James Joaquin, era l’acronimo di “DYnamic LANguage”.

Apple placò le richieste di Bob Dylan con un accordo confidenziale grazie a cui ottenne il trademark di Dylan. Nell’autunno del 1995 l’azienda di Cupertino rilasciò il linguaggio per i Mac con processore 68k in una “technology release” nota come “Apple Dylan TR1” che includeva anche un ambiente di sviluppo integrato. Purtroppo fu la prima e unica versione: lo stesso anno Apple pose fine al progetto Dylan.

Il linguaggio Dylan però è sopravvisuto ed è vivo e vegeto, curato da un gruppo di volontari su Internet, i Gwydion Maintainers.
Questo perché durante gli anni ’90, Apple non fu l’unica a lavorare su Dylan e vennero rilasciate altre due implementazioni. Una era un IDE commerciale per Windows che venne realizzato dalla Harlequin mentre l’altro era un compilatore open source per sistemi Unix, curato dalla Carnegie Mellon University. Entrambe queste implementazioni -che hanno assunto i nomi di Open Dylan e Gwydion Dylan- sono ora disponibili con licenza open source e per numerose piattaforme grazie al lavoro dei succitati Gwydion Maintainers.

L’immagine di Bob Dylan dalla pubblicità ‘Think Different’ di fine anni ’90 è tratta da Red Light Runner Store.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
2 commenti  


2 commenti »

  1. […] ma questa spiegazione non mise a riparo l’azienda di Cupertino da una causa. Gliela intentò Bob Dylan, intenzionato a impedire l’uso del suo nome in prodotti di […]

    Pingback by Storie di Apple – Dylan e la promessa mancata di Apple — 27 agosto 2011 @ 10:19 pm

  2. […] con Bob Dylan. Nel 1994 il cantante folk adorato da Steve Jobs (e da altri membri storici di Apple) ha fatto causa per violazione di trademark perché l'azienda aveva creato e diffuso un linguaggio di programmazione per il Mac, chiamato… […]

    Pingback by 30 anni di Macintosh: le cose da sapere - Panorama — 23 gennaio 2014 @ 12:56 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin