Gli scherzi di Woz: l’Apple II chiama casa Jobs

 Articolo pubblicato il 18/12/2008 che parla di Hardware,Personaggi,Software 

Wozniak e Draper nel 2008Nel 1975 Steve Wozniak incaricò il phreaker John Draper, conosciuto come Captain Crunch, di creare una scheda per interfacciare l’Apple II alla linea telefonica.

Questa scheda, chiamata “Charlie Board”, purtroppo non venne mai messa in produzione a causa delle pressioni della compagnia telefonica AT&T che ne temeva i potenziali abusi da parte degli smanettoni.

Ci fu però almeno uno smanettone che riuscì ad esplorare questo potenziale: fu Steve Wozniak che durante la fase di progettazione si divertì a usare la scheda per perpetrare uno dei suoi (pesanti) scherzi, come racconta Draper stesso.

Così scrissi i programmi in basic per pilotare la scheda e farle eseguire delle operazioni. Scrissi un piccolo software dimostrativo che chiamava un numero, preparai una nota per Woz che ne spiegava il funzionamento e poi me ne andai a casa a riposare. Ero stato in piedi metà della notte a lavorarci e nella nota scrissi a Woz che sarei tornato sul tardi il giorno dopo aver fatto una bella dormita. Gli lasciai la cassetta [con il software] sulla scrivania.

La mattina dopo […] appena entrato Jobs mi saltò addosso urlando e lamentandosi che l’avevo chiamato a casa più volte di notte, dando fastidio i suoi genitori. Quando entrai nel laboratorio Woz e [Randy] Wigginton stavano ridendo forte […]. Woz mi disse che la scheda funzionava bene e mi rivelò con orgoglio che l’aveva programmata perché chiamasse di continuo casa Jobs.

Foto di Wozniak e Draper tratta da http://macenstein.com.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
1 commento  


1 commento »

  1. Hai capito il buontempone!!! Se la divertivano e credo se la divertano ancora oggi li a Cupertino!!!

    commenti by Jack denny — 5 gennaio 2009 @ 11:19 am

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin