I sistemi operativi che non vedremo mai: OPENSTEP 4.5

 Articolo pubblicato il 08/10/2008 che parla di Software 

L’ultima versione di OPENSTEP è la 4.2, rilasciata nel maggio 1997 ormai da Apple dopo la sua acquisizione di NeXT.

il boot di Rhapsody, figlio di OpenStepÈ però opinione diffusa che Rhapsody sia a tutti gli effetti OPENSTEP 5. Per la precisione è la quinta release di “OPENSTEP Mach” per Intel e PowerPC ma mutato nel look (che è un miscuglio di Mac OS 8 e Copland) e con l’aggiunta di tecnologie proprietarie di Apple vecchie e nuove come ColorSync, QuickTime e NetBoot.

Il Mac OS X Server originale è l’unico prodotto rilasciato pubblicamente di questa evoluzione verso il Mac OS: le sue edizioni, che partono dalla 1.0 e arrivano sino alla 1.2 spingono OPENSTEP sino alla release 5.6, l’ultima a potersi considerare pienamente parte della genealogia NeXTSTEP.

In mezzo c’è un vuoto colmato da una creatura che in pochi hanno visto (e ancora meno usato): OPENSTEP 4.5.
OpenStepLa numerazione, senza dubbio opinabile, è basata sul fatto che sono circolate schermate e informazioni frammentarie di una 4.4 beta.

Meno opinabile è però l’esistenza di OPENSTEP 4.5 per un dato tecnico oggettivo: sino all’inverno del 1996 i sistemi operativi di NeXT supportavano solo i processori x86 di Intel, PA RISC, gli SPARC di Sun e la famiglia Motorola 68k. Per arrivare a Rhapsody ed a OPENSTEP 5 fu necessario un passo intermedio: il porting per processori PowerPC, definito una “folle corsa” da uno degli addetti. OPENSTEP 4.3 ha gettato un ponte provvisorio ma fondamentale tra il mondo *STEP e quello di Mac OS X ma, in quanto versione intermedia e puramente strumentale, è destinata a rimanere archiviata per sempre in qualche scaffale (reale o virtuale che sia) a Infinite Loop.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
3 commenti  


3 commenti »

  1. La schermata che vedi qua:

    http://www.objectfarm.org/Activities/Publications/TheMerger/UserInterfaces/OPENSTEP.beta-Desktop.jpg

    fa parte di OPENSTEP 4 beta, una delle prime prerelease e risale al ’95. Me la ricordo bene perche’ in quell’anno sono diventato utente NeXT.
    Quel desktop non e’ mai apparso nella versione finale di OPENSTEP.

    L’altra immagine, oltre a fare schifo, non l’ho mai vista.

    commenti by Mirko — 1 novembre 2008 @ 4:36 pm

  2. Grazie per la precisazione, Mirko.

    Stai quindi dicendo la prima schermata è
    a) ancora pre-Apple
    b) parte del percorso che ha portato al 4.0
    c) non collegata a prototipi post-4.2
    Giusto?

    nda

    commenti by Nicola D'Agostino — 3 novembre 2008 @ 2:48 pm

  3. Si, ma se vuoi una conferma autorevole dovresti provare a contattare chi probabilmente ha messo le mani su quella beta. Esempi possono essere Wil Shipley e OmniGroup, forse Don Yacktman (di illumineX), chi gironzolava intorno a WebObjects (nomi non ne ricordo), oppure cerca negli archivi di comp.sys.next (a trovarli) o nei mirror di ftp dell’epoca. (Peak e Peanuts)

    ftp://ftp.blackcube.org/pub/Peanuts/
    ftp://ftp.blackcube.org/pub/ftp-next-ftp.peak.org/next2/

    commenti by Mirko — 10 novembre 2008 @ 3:27 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin