I tower – E in principio fu… il Quadra 700

 Articolo pubblicato il 01/11/2010 che parla di Design,Hardware 

È grazie a una sapiente scorciatoia nel design che nell’ottobre 1991 fece la comparsa uno dei primi modelli tower, il Quadra 700.

La definizione esatta sarebbe quella di “mini-tower” viste le dimensioni molto ridotte (14 cm di altezza x 30 cm di larghezza x 36,5 cm di profondità) che coincidevano con quelle del Mac IIcx rilasciato più di due anni prima, e di cui il 700 è una versione ruotata a 90 gradi.

Macintosh Quadra 700Se però tutte (o quasi) le descrizioni si limitano a evidenziare le indubbie similarità dei due computer a guardare più da vicino si notano piccole quanto significative differenze nel design.

Linee di fuga, logo e pulsanti del Quadra 700 mostrano che a differenza del IIcx il posizionamento verticale era un obiettivo preciso ed esplicito del team di progettisti Apple e non una ulteriore variante d’uso.

A queste differenze estetiche vanno aggiunte quelle tecniche, con un hardware dalle caratteristiche notevoli per l’epoca che rivaleggiavano con quelle dell’altro modello tower, l’enorme ed espandibilissimo Quadra 900.
Laddove il IIcx era dotato di un 68030 a 16 MHz, il Quadra 700 come il 900 montavano un potente 68040 a 25MHz a 32 bit “puliti” e con maggiore cache di primo livello, ben 8k invece di 0,5. L’espandibilità del sistema era affidata non solo a due canonici slot NuBus, standard introdotto con il Mac II, ma anche ad un più veloce PDS (Processor Direct Slot) per gestire le schede video. Da evidenziare che tra le porte esterne c’era una ethernet, la prima montata di fabbrica su un Mac, seppure con il famigerato attacco proprietario Apple AAUI-15.

La velocità e versatilità del 700 non era solo dovuta all’evoluzione tecnologica nel periodo trascorso dal rilascio del IIcx: decisamente curata era anche la dotazione multimediale, che sarebbe stata ulteriormente sviluppata nei modelli successivi divenendo una caratteristica di rilievo dei Quadra.

Il Quadra 700 era dotato non solo di un’uscita ma anche di un ingresso audio (mono, a 8 bit) e di una circuiteria video integrata con VRam da 512K di base espandibile sino a 2MB che gli consentiva di pilotare monitor esterni a risoluzioni molto alte per il periodo: fino a 1152×870 pixel. Non c’è da stupirsi quindi che in alcune pubblicità dei primi anni ’90 il 700 fosse presentato come una workstation UNIX, abbinandolo a sistemi operativi diversi e più ambiziosi del consueto System quali MachTen o A/UX (Apple’s UNIX).

La notevole potenza bruta di calcolo e elaborazione di dati visuali e sonori fu evidenziata anche da Apple in uno spettacolare spot televisivo.
Nel filmato, girato in soggettiva, lo spettatore si ritrova lanciato a tutta velocità per una strada di montagna e letteralmente vola fuori strada, solo per scoprire che la sequenza video era riprodotta in uno schermo collegato ad un Quadra 700.

Immagine tratta da Wikipedia

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
2 commenti  


2 commenti »

  1. […] nell’ottobre 1991, insieme al modello 700, il Quadra 900 è stato uno dei Macintosh più alti*, pesanti e voluminosi mai messi in commercio […]

    Pingback by Storie di Apple – I tower – Grosso e cattivo: ecco il Quadra 900 — 2 marzo 2012 @ 8:16 am

  2. […] ruotato di 90°, il case del IIcx accolse tutta la potenza del processore 68040: con il nome di Quadra 700 divenne un punto di contatto tra i desktop e i tower di casa Apple, lanciati proprio in quel […]

    Pingback by Storie di Apple – il Mac IIcx: il desktop compatto e versatile — 3 febbraio 2013 @ 7:15 am

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin