Jerry York e Apple

 Articolo pubblicato il 19/03/2010 che parla di Personaggi 

Jerome B. York è entrato a far parte del consiglio d’amministrazione di Apple nell’agosto 1997 ed è ha mantenuto il suo ruolo per quasi tredici sino alla sua scomparsa, avvenuta nel marzo 2010.

Steve Jobs - Jerry York part of new Board of DirectorsL’aggiunta di York al consiglio rientrava nell’opera di ricostruzione del marchio di Apple da parte di Steve Jobs, che al Macworld Boston ’97 descrisse il dirigente in questo modo:

Jerry ha messo in atto molti cambiamenti alla Chrysler e in IBM ed è estremamente noto e rispettato negli ambienti finanziari per quanto ha fatto.

Per il Macworld venne inoltre realizzato un video che conteneva varie dichiarazioni dei nuovi dirigenti che si univano al consiglio d’amministrazione tra cui Gareth Chang della Hughes International, Bill Campbell della Intuit, Larry Ellison di Oracle e Ed Woolard della DuPont.

Ecco cosa disse York* a proposito di Apple e sui concetti di realtà, esperienza, obiettivi e passione, ritenuti cruciali da Jobs per la ripresa dell’azienda:

Jerry York - Apple's new Board of Directors intro

  • Le aziende devono prendere in esame tutte le loro attività e individuare […] quali sono le componenti chiave, le parti fondamentali della loro attività.
     
  • Alla Chrysler abbiamo dovuto ridurre i costi di quasi quattro miliardi di dollari per renderla davvero competitiva, in particolare rispetto ai giapponesi.
     
  • Apple ha una posizione molto forte in due settori di mercato: il primo è quello della formazione e il secondo è la creatività.
     
  • Quando si ha una posizione forte in un settore di mercato la si può sfruttare.
     
  • Per costruire il proprio marchio le aziende possono arrivare a spendere miliardi di dollari. Apple non ne ha bisogno: l’ha già fatto.
     

* Il testo originale in inglese si può leggere su Stories of Apple.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  


Nessun commento »

Nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin