KanJiTalk

 Articolo pubblicato il 09/03/2007 che parla di Lo sapevate che...,Personaggi,Software 

Negli anni ’80 Apple fu una delle poche aziende a produrre un computer compatibile con il sistema di simboli nipponici, i Kanji.

KanjiTalk StartupFu uno dei successi maggiori del futuro CEO Michael Spindler che realizzò una versione speciale del System del Mac chiamata KanjiTalk mentre era a capo di Apple Europe. La diffusione del personal computer e dei Macintosh in Giappone procedeva a rilento per problemi con i caratteri e gli utenti erano perlopiù costretti ad imparare ed usare l’alfabeto latino che causava omonimie e imprecisioni nella trascrittura dei suoni originali dei Kanji.

KanjiTalk 6.0.4Spindler spinse per l’acquisto dei diritti di un sistema di font Kanji e il suo adattamento sul “Fat Mac”, il secondo Macintosh con memoria da 512K, potenzialmente capace di gestire set di caratteri non occidentali. Il risultato fu KanjiTalk: strettamente legato al sistema operativo del Mac permetteva di visualizzare e stampare i pittogrammi e ne aiutava l’inserimento grazie ad un sistema di “predizione” delle parole che adattava i caratteri latini al significato nipponico.

Versioni localizzate per l’utenza giapponese del Mac OS, alcune anche liberamente scaricabili, sono state prodotte fino all’avvento di Mac OS X che include il nihongo nella versione generale, insieme ad altre lingue asiatiche.

Immagini tratte da www.d4.dion.ne.jp/~motohiko/system6.htm

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
1 commento  


1 commento »

  1. Straordinario! Quindi, se non ho capito male, funzionava un po’ come il t9 dei cellulari?

    commenti by Masque — 9 marzo 2007 @ 12:59 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin