Le figure chiave del Lisa

 Articolo pubblicato il 25/10/2008 che parla di Hardware,Lo sapevate che...,Personaggi 

Chi sono i “padri” dell’Apple Lisa?

Key members of the Lisa team

Da sinistra a destra abbiamo Paul Baker, Bruce Daniels, Chris Franklin, Rich Page, John Couch e Larry Tesler.

Bruce Daniels ricoprì il ruolo di “Lisa software team manager” mentre Tesler, uno dei prestigiosi fuoriusciti dallo Xerox PARC, fu “applications group manager” e negli anni seguenti lo si ritroverà a capo di vari progetti a Infinite Loop tra cui quello che portò alla realizzazione del Newton.

John Couch, in primo piano, era arrivato da Hewlett-Packard nel 1978 per aiutare a delineare la strategia di Apple e lavorare su quello che doveva essere il successore dell’Apple II. Purtroppo si sa molto poco di Chris Franklin, giovane ingegnere ritratto al centro della foto.

Il baffuto Paul Baker fu invece addetto all’hardware del Lisa insieme al barbuto Rich Page, che abbozza un sorriso sullo sfondo. Geniale quanto sanguigno Page era esperto tanto nell’hardware che nel software e creò tra le altre cose il “Lisa Monitor”, il primo abbozzo di sistema operativo in Pascal. Al contempo criticò apertamente la strategia di Jobs che preferiva il Mac intuendo che la sua affermazione sarebbe stata a spese del Lisa. Alcuni anni più tardi, però, Page avrebbe seguito Jobs lasciando Apple e cofondando NeXT.

In altre foto compaiono altri uomini chiave come Wayne Rosing, responsabile della progettazione, ma bisogna evidenziare che in questa immagine – come in tutta la letteratura promozionale dell’epoca – c’è un grande assente. È Bill Atkinson, che aveva svolto un lavoro cruciale sulle routine grafiche e creato l’interfaccia grafica del Lisa.
Le sue giuste lamentele fecero che quando fu lanciato il “computer for the rest of us” lui e (tanti) altri non solo furono protagonisti di svariati servizi fotografici e interviste ma ebbero anche l’onore di apporre la firma sull’opera creata, come veri artisti. Ma questa è un’altra storia…

Immagine tratta da “Revolution In The Valley” di A. Hertzfeld e AAVV

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di
 
Avete dei commenti?  


Nessun commento »

Nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin