L’era Sculley

 Articolo pubblicato il 23/04/2007 che parla di Eventi,Personaggi 

Dopo Steve Jobs, John Sculley è il manager che più ha lasciato la sua impronta sulla storia di Apple.

Jobs e Sculley, il dinamico duoSculley è rimasto alla guida di Apple per un intero decennio dopo essere stato assunto nell’aprile del 1983 inizialmente come COO (Chief Operating Officer). La frase con cui Jobs convinse Sculley, ex manager di successo della Pepsi, a lanciarsi nell’informatica, è passata alla storia:” Vuoi vendere per il resto della tua vita acqua zuccherata o vuoi cambiare il mondo?”

Ironia della sorte è che dopo circa un anno di idillio tra i due tra l’aprile e il giugno del 1985 l’alleanza si trasformerà in uno scontro aperto: Sculley diventerà il CEO di Apple e Jobs si dimetterà a settembre, perdente a sorpresa in un quadro aziendale per cui era divenuto personaggio scomodo perché troppo testardo, impulsivo e visionario.

Anche Sculley però non ebbe vita facile e nei primi anni ’90 la fine del suo regno fu sofferta: vittima di uno plateale sgambetto da parte del rampante Michael Spindler, rivelatosi poi inadeguato come leader, le sue dimissioni furono un graduale stillicidio della sua carica e voglia di condurre Apple verso un futuro fatto non solo di Macintosh. John SculleyLo dimostra il suo caparbio supporto al progetto Newton ed all’esplorazione di dispositivi palmari, che lo resero inviso a una dirigenza sempre più attenta solo a introiti immediati.

Se infatti le critiche all’operato di Sculley non mancano (una è quella di aver tradito lo spirito originario sia di Jobs che di Wozniak), è innegabile la sua mano decisa e competente nell’affermazione commerciale del Mac. Questo fu raggiunto in vari modi. Anzitutto venne giocata la carta desktop publishing (di cui Apple è stata a lungo sinonimo). Ma ci fu finalmente anche l’uscita di Macintosh forse un po’ meno eleganti e compatti, ma molto più espandibili come il Mac II o economici, come l’LC e il Classic. Altrettanto lodabile è la incessante ricerca di Sculley di soluzioni per il computing personale come il citato Newton o il futuristico“Knowledge Navigator”.

Immagini tratte da www.macworld.it e www.wikipedia.org

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , ,
 
3 commenti  


3 commenti »

  1. Ecco un altro grande:

    Nolan Bushnell, il padre di Atari- Imprenditore e inventore, da sempre un passo avanti agli altri

    chi se lo ricorda?

    commenti by Alex — 23 aprile 2007 @ 12:39 pm

  2. […] L’idea piacque all’amministratore delegato John Sculley e le due aziende iniziarono in maniera molto discreta la collaborazione sul progetto, a cui venne dato il nome “Star Trek” perché, come la nave spaziale nell’omonima serie televisiva, ci si sarebbe “coraggiosamente spinti dove nessun Mac era stato prima”: la piattaforma x86. […]

    Pingback by Storie di Apple » Star Trek: la strada non intrapresa — 30 giugno 2008 @ 7:23 pm

  3. […] Nell’ottobre del 1990 Apple rispose alle critiche sui prezzi con una serie di Mac economici accolti con favore dal pubblico, ma che segnarono anche l’inizio dell’avvicendamento ai vertici tra John Sculley e Michael Spindler. […]

    Pingback by Storie di Apple » Anniversari importanti — 23 ottobre 2008 @ 6:09 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin