I fondatori di NeXT

 Articolo pubblicato il 01/06/2009 che parla di Personaggi 

Questa foto del 1986 ritrae Steve Jobs con gli altri confondatori di NeXT.
Si trattava di cinque collaboratori fidati che avevano dato le dimissioni da Apple per seguirlo nella sua nuova avventura.

1986: NeXT cofounders

Da sinistra verso destra abbiamo: Dan’l Lewin, Rich Page, Guy “Bud” Tribble, Steve Jobs, Susan Barnes e George Crow.

Dan’l Lewin in Apple ricopriva il ruolo di marketing manager del settore universitario e avrebbe avuto lo stesso ruolo in NeXT, che agli inizi si rivolse esclusivamente al mondo della ricerca. Lasciò NeXT nel febbraio del 1990 ed approdò infine in Microsoft dove da diversi anni ricopre un ruolo dirigenziale.

[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
3 commenti  

26 anni di mouse Apple

 Articolo pubblicato il 05/03/2009 che parla di Design,Novità 

Storie di Apple a Tech-it (Bo)Quanti modelli di mouse ha prodotto Apple?
E quale è stato il primo con la mela mordicchiata?
E il primo in assoluto?
E quali tecnologie usavano?
E Microsoft quando ha realizzanto un dispositivo del genere?

A queste ed altre domande ha risposto la presentazione di fine febbraio a Bologna dove si è tenuta la più recente tappa del tour di Storie di Apple, presso Tech-it a cui va un grosso grazie per la calorosa accoglienza.
Abbiamo ripercorso ventisei anni di storia di puntatori Apple (sì, uno prima dell’arrivo del Mac), spiegando e toccando con mano le differenze tra i vari modelli, il loro funzionamento e i tipi di connessione.

[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , ,
 
Avete dei commenti?  

Va’ a quel paese, Bjarne

 Articolo pubblicato il 14/12/2006 che parla di Personaggi,Software 

Nel mondo della programmazione il danese Bjarne Stroustrup è un nome prestigioso.

Stroustrup non è solo un matematico e informatico che per anni è stato a capo dei laboratori di ricerca di AT&T ma il “padre” e principale architetto del linguaggio a oggetti C++.
Con il C++ ebbero a che fare anche gli sviluppatori Apple che tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 cercarono di integrare l’all’epoca nuovo linguaggio nell’ambiente di programmazione ufficiale per Mac, l’MPW.

Screw BjarneL’impresa però fu particolarmente ardua e lasciò un notevole senso di frustrazione negli uomini di Cupertino, che si sfogarono in vari modi. Uno di questi è la realizzazione nel 1989 di una t-shirt ad uso interno in cui campeggia la testa di Stroustrup trapassata da una vite.

Secondo Landon Dyer, che la realizzò, il messaggio scherzoso dell’immagine era che il C++ era contorto, incasinato “screwed up” giocando su uno dei doppi sensi della vite “screw” ma questa versione fu soppiantata dalla più diretta e popolare nonché liberatoria “Screw Bjarne” traducibile come “Ma va**an***o, Bjarne”.

Quando Stroustrup fu ospite di Apple per un intervento fu omaggiato da Dyer con una di queste irriverenti magliette e non si arrabbiò per essere stato mandato a quel paese dai colleghi di Cupertino e anzi accettò il dono (irriverente) con estremo piacere.

Immagine tratta da geekt.org/geekt/comment.cgi?newsid=1195

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
1 commento  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin