Quark prima di Xpress

 Articolo pubblicato il 01/06/2012 che parla di Lo sapevate che...,Novità,Software 

Da più di vent’anni al nome “Quark” si fa seguire subito quello di “XPress”: il software e l’azienda che lo produce sono identificati da molti con il concetto stesso di impaginazione digitale, soprattutto dopo aver scalzato il pioniere Page Maker.

Quark Word Juggler AdMa prima di divenire il leader nel settore del DeskTop Publishing su Macintosh (e poi anche su Windows), le attenzioni di Quark erano dedicate a un altro computer di Infinite Loop, l’Apple II, per cui l’azienda produceva software, e si è cimentata anche con dell’hardware.

La Quark Inc. è stata fondata nel 1981 con il nome “Quark Engineering” da Tim Gill e Mark Pope e fino al 1986 il suo prodotto principale è stato il programma di videoscrittura Word Juggler.
Disponibile per l’Apple IIe e l’Apple IIc, Word Juggler era un prodotto professionale che veniva venduto a oltre duecento dollari. Fu uno dei primi software a girare sul “nuovo” sistema operativo ProDos e ne venne realizzata anche una versione per lo sfortunato Apple III/III+ che sfruttava le 80 colonne e la maggiore memoria disponibile ma costava quasi trecento dollari.

Quark Word Juggler and Lexicheck AdInsieme a Word Juggler Quark aveva sviluppato e proponeva anche un suo correttore ortografico, chiamato Lexicheck, che nel 1984 vantava un dizionario di (ben) cinquantamila termini e veniva venduto in bundle o a sè stante, a poco più di un centinaio di dollari.

Un altro software di Quark della prima metà degli anni ’80 rispondeva al nome di Catalyst. Si trattava di un’utility riservata agli utenti Apple II che possedevano un disco fisso e permetteva di lanciare e usare da questa periferica i software progettati e forniti originariamente su floppy disk. Per un breve periodo Catalyst fu parecchio popolare e venne distribuito insieme all’Apple IIe, a cui si poteva affiancare un hard disk targato… Quark.

Già. Per un paio d’anni ci fu una divisione apposita dell’azienda chiamata Quark Peripherals che si cimentò anche nella produzione di dischi rigidi esterni. Il primo (e probabilmente unico) prodotto era il Quark QC10, che si poteva collegare anche a un macintosh (tramite la porta floppy) e offriva una capienza di 10 MB. Venne proposto inizialmente al prezzo di 1995 dollari e nelle recensioni dell’epoca ricevette critiche per il prezzo, le performance non esaltanti e una manualistica poco chiara.

Nel 1987 la Quark Peripherals venne chiusa e i dischi rimasti vennero ceduti alla Sun Remarketing, non nuova a rilevare prodotti del mondo Apple. La Quark si concentro sul suo nuovo programma per Macintosh, Xpress, che aveva lanciato proprio quell’anno. E il resto è storia.

Nota: le pubblicità di Word Juggler e LexiCheck sono tratte da InfoWorld del febbraio 1985 e marzo 1984.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , ,
 
Avete dei commenti?  

Il computer aperto

 Articolo pubblicato il 29/09/2008 che parla di Hardware,Lo sapevate che...,Personaggi 

Nelle immagini che si trovano online dell’Apple II di Jef Raskin (ma non solo quello) c’è un dettaglio che merita di essere evidenziato: manca il coperchio.

La spiegazione arriva sempre dalla descrizione dell’asta in cui si spiega che

a tutti i computer (Apple II) degli sviluppatori alla IAI [Information Appliance, Inc., nda] la parte superiore veniva tolta per avere accesso alla scheda madre e poter mettere e togliere schede o cavi per diagnostica

con -si legge inoltre- il monitor poggiato su un piedistallo leggermente arretrato rispetto al computer.

Uno slot extenderQuella di scoperchiare ed usare l’Apple II aperto con la sua componentistica a portata di mano era una pratica tutt’altro che rara all’epoca ed era coerente con la visione del suo progettista.

Il geniale Stephen Wozniak era lui stesso uno smanettone interessato ad un sistema il più possibile aperto ed estendibile nell’hardware, con ben otto slot di espansione, caratteristica che si ritroverà nel PC della IBM ma non nel Macintosh di Apple stessa (voluto “chiuso” da Steve Jobs).

Per la cronaca esistevano anche degli slot extender che permettevano di avere ancora più accessibile la scheda in fase di test innalzandola sopra il case: sempre aperto, ovviamente.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  

L’Apple II di Jef Raskin

 Articolo pubblicato il 26/09/2008 che parla di Hardware,Personaggi,Software 

È un Apple II molto particolare quello messo in vendita su eBay nel mese di settembre 2008 e infine aggiudicato per ottocento dollari.

La cifra può sembrare eccessiva per un computer di cui sono stati venduti alcuni milioni di esemplari ma quello dell’asta è un oggetto effettivamente unico: l’Apple IIe di Jef Raskin, usato per sviluppare prima la SwyftCard e poi lo Swyft e il Canon Cat, il “Macintosh che non fu”.

AppleIIe modificato da Jef RaskinDopo aver lasciato la Apple Raskin creò la Information Appliance, Inc. trasformando in realtà le sue originali idee per un “work processor”, un elaboratore di testi ed altri documenti per l’ufficio.

La base di partenza fu un Apple IIe modificato sia nella sostanza (nuovo hardware e software) che che nella forma (tastiera ripensata) da Raskin.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
1 commento  




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin