Il “Fat” Mac

 Articolo pubblicato il 02/08/2010 che parla di Eventi,Hardware,Personaggi 

Agli inizi del settembre 1984 Apple lanciò sul mercato un Macintosh potenziato, soddisfando alcune critiche e timori dei possibili acquirenti.

Proposto inizialmente ad un prezzo di 3300 USD (ma alcune fonti parlano di 3200), il Macintosh 512K si guadagnò il soprannome “Fat Mac” per la sua maggiore dotazione di memoria RAM, che era quattro volte quella del Macintosh originale e forniva un maggiore respiro nell’uso di applicativi e nell’elaborazione dei dati. Per il resto il “Fat Mac” era sostanzialmente identico al 128k tant’è che una nuova scheda madre fu impiegata per la produzione di entrambi i modelli.

L’espansione di memoria non fu una decisione contingente o improvvisata ma era una possibilità già prevista durante la progettazione del primo Macintosh, come rivela un’intervista del 1984 su Byte a tre dei progettisti originari, tra cui Jef Raskin.
Alla domanda

In origine aveva 64K, poi è stato lanciato con 128 e ci sono voci insistenti su un Mac da mezzo Megabyte. Come e quando si è fatta largo l’idea di avere 512K?

Raskin rispose:

Molto presto: Burrel [Smith, il progettista della motherboard, nda] aveva fatto notare che, una volta adottato come processore il Motorola 68000, era molto facile creare un design tale che si toglievano i chip da 64K-bit e si sostituivano con quelli da 256K-bit. Sono sempre stato dell’idea che in termini di memoria bisogna scegliere il chip più grande che ci si può permettere economicamente e se sono chip da 1 bit e se ne usano 8 o 16, allora dovrebbe essere quella la dimensione della memoria. […] A Burrell è piaciuto progettare la cosa e a livello software non c’è stato alcun problema di gestione, era tutto molto pulito. Quando ci saranno chip da 256K-bit si useranno quelli e tutto funzionerà allo stesso modo.

E difatti tutto funzionava allo stesso modo, solo meglio: il 512k permise l’uso di software più potenti e ambiziosi come il primo foglio di calcolo di Microsoft per Macintosh, Multiplan. Inoltre semplificò la vita agli utenti Mac anche in alcune attività di routine del Finder eliminando problemi come il “Disk Swapper’s Elbow”, la snervante procedura di duplicazione dei dischetti causata dalla combinazione di poca RAM e una sola unità a dischi removibili.

Il Fat Mac venne ritirato nell’aprile 1986, rimpiazzato dal 512Ke che manteneva ancora una volta l’aspetto esterno ma presentava due importanti upgrade. Oltre alla RAM, confermata a mezzo Megabyte, venne raddoppiata sia la capacità di archiviazione grazie a una unità floppy da 800KB, come la dimensione delle ROM interne per contenere nuovo codice di sistema; lo stesso del Plus. Ma questa è un’altra storia.

La scheda madre nella foto è stata gentilmente fornita da Maurizio Buso.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
3 commenti  

Il Mac truccato della demo

 Articolo pubblicato il 24/01/2008 che parla di Hardware,Lo sapevate che...,Personaggi 

A volte le cose non sono come sembrano. Uno dei casi meno noti ma più eclatanti è quello del Macintosh originale, quando venne presentato da Steve Jobs all’assemblea degli azionisti il 24 gennaio del 1984.

1984 - Il Mac si presenta al pubblicoJobs volle una dimostrazione delle capacità multimediali del Mac tra cui la funzione di sintesi vocale. Purtroppo il Mac originale mostrava già i suoi limiti (che il team di sviluppatori aveva abilmente aggirato con varie tecniche e hack) e per riuscire nell’intento e soddisfare il capo, il team assemblato per l’occasione decise di “barare”.

Quello tirato fuori da una borsa e lasciato parlare da Jobs non era un Mac originale ma un prototipo potenziato di laboratorio. Si trattava di uno dei primi “fat Mac” (uno di due esistenti), dei Macintosh già in progettazione che invece degli esigui 128k standard di memoria ne montava ben 512k e sarebbero stati disponibili in commercio solo otto mesi dopo.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
1 commento  




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin