Il Lisa/Macintosh XL, uno dei “più memorabili tra i vecchi Mac”

 Articolo pubblicato il 17/11/2015 che parla di Hardware 

Alcuni mesi fa su Quora qualcuno ha chiesto “Quali sono i vecchi Mac più memorabili?”

tumblr_nmaxui1hNc1tgvybfo1_1280

Gran parte delle risposte decanta (prevedibilmente) classici come il primo iMac, l’iMac G4 a “lampada”, il TAM (Twentieth Anniversary Macintosh), il Portable o modelli un po’ più oscuri ma tuttora affascinanti, per funzione o per aspetto, come il Macintosh TV.

Nella mia risposta ho optato di andare controcorrente, suggerendo i seguenti prodotti con la mela morsicata:
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
Avete dei commenti?  

Va’ a quel paese, Bjarne

 Articolo pubblicato il 14/12/2006 che parla di Personaggi,Software 

Nel mondo della programmazione il danese Bjarne Stroustrup è un nome prestigioso.

Stroustrup non è solo un matematico e informatico che per anni è stato a capo dei laboratori di ricerca di AT&T ma il “padre” e principale architetto del linguaggio a oggetti C++.
Con il C++ ebbero a che fare anche gli sviluppatori Apple che tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90 cercarono di integrare l’all’epoca nuovo linguaggio nell’ambiente di programmazione ufficiale per Mac, l’MPW.

Screw BjarneL’impresa però fu particolarmente ardua e lasciò un notevole senso di frustrazione negli uomini di Cupertino, che si sfogarono in vari modi. Uno di questi è la realizzazione nel 1989 di una t-shirt ad uso interno in cui campeggia la testa di Stroustrup trapassata da una vite.

Secondo Landon Dyer, che la realizzò, il messaggio scherzoso dell’immagine era che il C++ era contorto, incasinato “screwed up” giocando su uno dei doppi sensi della vite “screw” ma questa versione fu soppiantata dalla più diretta e popolare nonché liberatoria “Screw Bjarne” traducibile come “Ma va**an***o, Bjarne”.

Quando Stroustrup fu ospite di Apple per un intervento fu omaggiato da Dyer con una di queste irriverenti magliette e non si arrabbiò per essere stato mandato a quel paese dai colleghi di Cupertino e anzi accettò il dono (irriverente) con estremo piacere.

Immagine tratta da geekt.org/geekt/comment.cgi?newsid=1195

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
1 commento  




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin