Wendy and Lisa e i Mac

 Articolo pubblicato il 13/01/2009 che parla di Lo sapevate che...,Personaggi 

Wendy and Lisa - black MacBook
Il Macintosh è uno strumento chiave per le musiciste Wendy Melvoin and Lisa Coleman, note per la collaborazione con Prince.

Negli ultimi anni il duo ha lavorato a diverse sonorizzazioni di film e serie televisive e i prodotti di Apple hanno giocato un ruolo importante.
Un esempio lampante è il serial Heroes la cui musica di sottofondo è

suonata interamente dalla Melvoin e dalla Coleman ed è realizzata grazie a tre Mac Intel ed un sistema di dischi RAID.

Nell’immagine -tratta da uno speciale “dietro le quinte” su Heroes- si vede Lisa suonare la tastiera osservando il filmato e Wendy usare un MacBook nero.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  

Dave Stewart, Power fan

 Articolo pubblicato il 14/09/2007 che parla di Design,Hardware,Lo sapevate che...,Personaggi 

Dave Stewart è un musicista, compositore e cantante britannico noto sopratutto per il duo Eurhythmics che ha fondato e portato al successo con la cantante Annie Lennox.

Stewart è anche un fan ed utente appassionato di lunga data dei Macintosh e ne é stato testimonial, sia direttamente che indirettamente.
Nel 1993 fu infatti protagonista di uno degli spot per l’allora nuova generazione di Power Macintosh, basati sui chip RISC del consorzio fondato da Apple con IBM e Motorola (e noto anche come AIM dalle iniziali).

Nel filmato, che gioca come gli altri sulla definizione del termine “Power”, Stewart si autodefinisce “cultural engineer”, “ingegnere culturale” appare in varie manipolazioni grafiche e interagisce in vario modo tra cui suonando dentro e fuori lo schermo la breve colonna sonora dominata dalla sua chitarra elettrica.

Dave Stewart digita sul suo PowerBookQualche anno dopo, per l’esattezza nel 1995, Stewart appare con un cameo nel film avventuroso fantascientifico “Hackers”. Nel film, come testimoniano anche i credits finali, Stewart figura nel pittoresco ruolo di “London Hacker”.

Nella scena clou (a dire il vero un po’ pacchiana) in cui i protagonisti della pellicola sferrano un attacco ad un sistema informatico, lo fanno con l’aiuto di vari personaggi da Russia, Giappone, Italia e Inghilterra. È proprio Stewart il primo ad essere contattato e risponde alla chiamata sul suo cellulare da un caffé all’aperto a Londra solo per lanciarsi poco dopo a digitare furiosamente sul suo portatile Powerbook.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin