Larry Tesler, lo Xerox PARC ed Apple

 Articolo pubblicato il 10/01/2017 che parla di Personaggi 

Il 9 novembre 2011 un gruppo composto da ingegneri e altre persone che hanno lavorato con Steve Jobs ha parlato del cofondatore di Apple e Pixar dinanzi ad una platea radunata dal
Churchill Club, organizzazione senza scopo di lucro della Silicon Valley.

2011-churchillclub-stevejobs

Tra le persone sul palco c’era lo sviluppatore Larry Tesler, che dopo aver lavorato presso il celebre centro di ricerca PARC della Xerox, dove (tra le altre cose) ha inventato la tecnica del copia e incolla oggi usata su ogni computer, è stato per 17 anni in Apple, in qualità di vicepresidente del dipartimento per le tecnologie avanzate e poi “Scienziato in capo” dell’azienda.

Mi sono preso la libertà di trascrivere (e redigere un po’) l’intervento di sei minuti, disponibile in un video (a partire da 30:45, ma esiste anche un estratto), in cui Tesler racconta i rapporti tra Apple e il PARC, di cui è stato testimone diretto.

“Alla scadenza dei brevetti, le aziende asiatiche iniziarono a fare molta concorrenza a Xerox nel settore delle fotocopiatrici. L’azienda si rese conto che i suoi costi di produzione erano molto alti e questo rendeva problematico tenere testa ai concorrenti.
Ma avevano anche il centro di ricerca PARC, dove si sviluppavano tecnologie molto interessanti, tra cui Ethernet, le interfacce grafiche basate su finestre e versioni migliorate del mouse.


[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Apple e gli U2

 Articolo pubblicato il 06/10/2015 che parla di Novità 

u2-bonostevejobstheedge

“Abbiamo visto Apple creare l’iTunes Store. Ci hanno contattati e chiesto di parlarne, di discutere dell’impatto che avrebbe avuto sulla nostra esistenza, se sarebbe stato un fallimento o un successo. Noi ci siamo entusiasmati parecchio;” “È abbastanza straordinario come le case discografiche non abbiano risolto il problema della pirateria: è pazzesco, no?”

Sono le parole di Paul David Hewson, meglio noto come Bono, cantante del gruppo irlandese U2, che nell’ottobre del 2004 salì insieme al chitarrista The Edge sul palco del California Theatre, dov’era stato invitato da Steve Jobs. Fu il culmine di uno “Special Music Event” pieno di novità, di cui una buona metà venne dedicato alla band.

La collaborazione aveva avuto inizio già l’anno precedente, nell’aprile 2003, quando Bono era apparso nel video di presentazione dell’iTunes Music Store. Qualche mese dopo il cantante aveva fatto una breve comparsa via iChat durante la versione per l’utenza Windows, definendo l’iPod e iTunes “una cosa molto bella per i musicisti e la musica”.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
Avete dei commenti?  

L’Apple I

 Articolo pubblicato il 29/06/2015 che parla di Eventi,Hardware 

Il 29 luglio 1975 vide la luce il primo computer vero e proprio realizzato da Steve Wozniak.

Woz_in__asciiart_sull_Apple_1__retrocomputing__musif____miai_a__Lecce_...adesso_allo_spazio_Arci_Zei___by_verdebinario

Agli inizi del marzo 1975 nella città californiana di Menlo Park, l’ingegnere informatico Gordon French organizzò nel suo garage la prima riunione dell’Homebrew Computer Club, in cui venne presentato l’Altair.

L’incontro fu di notevole stimolo per Wozniak, che vi partecipò con l’amico Allen Baum, e gli fece capire l’enorme potenziale dei microprocessori come l’Intel 8080 usato nell’Altair.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Indovina chi è (con Steve Jobs)

 Articolo pubblicato il 30/04/2015 che parla di Personaggi 

Ecco un piccolo quiz per appassionati di storia informatica.
Nella foto qui sotto Steve Jobs è ritratto insieme a una persona che è stata molto importante nella sua carriera di imprenditore.

tumblr_m1oggusmmb1r597uso1_500

Riuscite a indovinare di chi si tratta?
Rispondete nei commenti oppure su twitter o su Google+.

p.s. Per facilitare un po’ specifichiamo che si tratta di un periodo in cui Steve Jobs non era in Apple

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
2 commenti  

“Chi sarà il prossimo Steve Jobs?”

 Articolo pubblicato il 12/03/2015 che parla di Letture 

“Chi sarà il prossimo Steve Jobs?”
Autore: Nolan Bushnell e Gene Stone
Editore: Hoepli
Altre informazioni: 236 pp
Lingua: italiano

Prima di Apple, nella prima metà degli anni Settanta, Steve Jobs lavorò presso Atari come operaio specializzato. La sua personalità urticante e la sua scarsa igiene gli fecero quasi perdere il posto, ma Nolan Bushnell, il cofondatore di Atari, si sforzò di non farselo sfuggire, avendo intravisto in lui “qualcosa di speciale”.

Nolan Bushnell Campus Party BrasilSecondo Bushnell, Jobs era “la persona che lavorava più duramente che avesse mai conosciuto” e “a questa qualità univa una profonda conoscenza della filosofia e ottime letture.”

Bushnell non è stato solo “il primo e unico boss di Steve Jobs”, ma è uno dei pionieri del mercato dell’elettronica e dell’informatica e nello specifico del mondo dei videogame, che ha reso una realtà di mercato. Nel corso degli anni si è mantenuto in contatto con Jobs, in un rapporto basato sulla stima reciproca.

Nel 2013 Bushnell ha scritto per Simon & Schuster “Finding The Next Steve Jobs: How to Find, Keep, and Nurture Talent”, prontamente tradotto in italiano da Hoepli come “Chi sarà il prossimo Steve Jobs? Come trovare un talento e farlo crescere in azienda”.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

“Steve Jobs, l’uomo che ha inventato il futuro” / “Steve Jobs, la storia continua”

 Articolo pubblicato il 30/01/2015 che parla di Letture 

“Steve Jobs. L’uomo che ha inventato il futuro”,
“Steve Jobs, la storia continua”

Autore: Jay Elliot
Editore: Hoepli
Altre informazioni: 258 pp / 236 pp
Lingua: italiano

Libri su Steve Jobs di Jay Elliot

Jay Elliot è stato vicepresidente di Apple addetto alla risorse umane dal 1980 al 1986, come raccontato in un’intervista a Storie di Apple. L’esperienza lavorativa è stata estremamente formativa per Elliot e dopo averla condivisa con altri autori di testi su Apple, nel 2011 ha fatto uscire un libro a suo nome. Intitolato “The Steve Jobs Way: iLeadership for a New Generation”, nel 2012 ha avuto un seguito, “Leading Apple With Steve Jobs: Management Lessons From a Controversial Genius”. Entrambi i testi sono stati prontamente tradotti ed editi in italiano da Hoepli.

In entrambi i volumi, l’obiettivo di Elliot e del giornalista William L. Simon che lo assiste come coautore, non è quello di scrivere una biografia ma di proporre una guida sull’innovazione nel management aziendale prendendo spunto dalle scelte (giuste e sbagliate) di Jobs nel corso della sua carriera.
Elliot, che all’epoca ha spesso lavorato fianco a fianco del cofondatore di Apple, si è basato su un mix di ricordi degli anni passati nell’azienda di Cupertino e di analisi di eventi successivi al suo periodo nell’azienda californiana.

Il punto di vista di Elliot è molto personale e di parte e tende a celebrare la figura Jobsiana, mostrando il fianco con qualche imprecisione su eventi e dati tecnici. Nonostante questo, i due libri risultano non solo piacevoli da leggere ma anche interessanti per l’appassionato di storia di Apple.

Il primo tomo, in particolare, ha il pregio di essere complementare ai testi di altri autori e personaggi che hanno raccontato quanto avvenuto nella prima metà degli anni ’80 e offre una prospettiva diversa (e forse più smaliziata) su responsabili di progetto e dirigenti dell’azienda di Cupertino in uno dei suoi momenti di maggiore crescita e innovazione.

“Steve Jobs. L’uomo che ha inventato il futuro” è disponibile in versione cartacea in su Amazon e in digitale per Kindle e per i dispositivi Apple è su iBooks Store
Anche “Steve Jobs. La storia continua” si può acquistare in versione cartacea su Amazon mentre in digitale c’è per Kindle e su iBooks Store per i dispositivi Apple.

Una versione preliminare di questo testo è stata pubblicate su www.nicoladagostino.net e su Panorama.it

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , ,
 
Avete dei commenti?  

L’Apple III, Steve Jobs e Jerry Manock

 Articolo pubblicato il 03/12/2014 che parla di Design,Hardware,Lo sapevate che...,Personaggi 

Il primo computer di Apple pensato per le aziende, il primo non progettato da Steve Wozniak. E il primo, grande insuccesso di Apple.

L’Apple III è passato alla storia come un costoso ed imbarazzante disastro. Ha incrinato l’immagine dell’azienda e le ha fatto perdere buona parte del vantaggio strategico sul mercato accumulato con l’Apple II.

Annunciato nel maggio 1981 ma reso effettivamente disponibile solo diversi mesi più tardi, l’Apple III venne proposto a cifre che oscillavano tra i 4000 e i 7000 dollari in base alla configurazione. Era basato sullo stesso microprocessore dell’Apple II, con cui era parzialmente compatibile (e sottolineamo il parzialmente), ma aveva una frequenza di clock raddoppiata. Era dotato di fabbrica di più memoria RAM, di una risoluzione maggiore, di una unità a dischi nonché di una tastiera molto più completa di quella del II, con maiuscole, minuscole e un tastierino numerico.

Apple III in una immagine promozionale di Apple

La versione dei fatti più diffusa, ma sbagliata, vuole che l’Apple III sia stato un insuccesso perché Steve Jobs impose la sua visione in quanto a forma e dimensioni dell’involucro. Soprattutto Jobs vietò l’uso di ventole di raffreddamento, scelta che causò surriscaldamenti e malfunzionamenti tali che Apple dovette consigliare agli utenti improbabili manovre per rendere di nuovo operativo il computer, e finì comunque per sostituirne 14’000 esemplari.

È indubbio che l’hardware dell’Apple III avesse dei problemi gravi, ma nel 2007 Jerry Manock, il designer industriale responsabile del case dell’Apple III (e di quello di tutti i primi computer Apple), ha smentito definitivamente la versione di cui sopra, spesso usata per rafforzare il mito di uno Steve Jobs geniale ma bizzoso e testardo.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin