Le app indispensabili: TenFourFox

 Articolo pubblicato il 11/11/2015 che parla di Software 

Se avete un vecchio Macintosh con processore PowerPC e volete navigare su siti web moderni la scelta cade per forza di cose su un browser: 10.4Fx, meglio noto come TenFourFox.

TenFourFox: A fork of Mozilla Firefox ESR 38 for the Power Macintosh and Mac OS X Tiger PowerPC

TenFourFox è un acclamato ed eroico port di Firefox realizzato e curato da utenti Power Mac “che lavorano per rendere ancora attuali i Power Macintosh in un mondo Intel”.
Mentre scrivo questo testo, l’ultima versione di TenFourFox rende disponibili “tutte le più recenti correzioni di bug, le migliorie per la sicurezza e le potenti tecnologie alla base di Mozilla Firefox 38 ESR“.

Ma facciamo un passo indietro. Dopo il clamoroso passaggio a Intel, Apple ha cessato di offrire il suo web browser Safari per i sistemi con Mac OS X Tiger 10.4 e per Mac OS X 10.5 Leopard l’anno seguente. Mozilla ha abbandonato i Mac con processori PowerPC nel 2011, negando loro le novità della versione 4.0 di Firefox. E Google Chrome (o Chromium) sono stati sin dall’inizio esclusiva dei Mac con CPU Intel.

Ma nel novembre del 2010, lo sviluppatore independente Cameron Kaiser, già noto per il browser Classilla, ha ridato speranza agli utenti di Tiger, sistema operativo considerato il non plus ultra per i Mac PowerPC.
Dalla prima versione resa disponibile, la 4.0b7, Kaiser, con l’aiuto di altri sviluppatori ed utenti, ha preso il codice sorgente di Mozilla e l’ha adattato ed integrato per Tiger (e Leopard) talmente bene che questa versione non ufficiale di Firefox funziona in maniera soddisfacente anche sui Mac con un ormai surclassato G3.

TenFourFox accelerated for PowerMac

TenFourFox, il cui nome rimanda al sistema per cui è pensato, include ottimizzazioni AltiVec per la decodifica accelerata di JPEG, HTML e WebM su G4 e G5, e include un proprio compilatore just-in-time di Javascript per PowerPC. Il browser è inoltre disponibile in quattro versioni, ognuna ottimizzata e compilata per i vari processori PowerPC usati da Apple: il G3, le due varianti di G4 e i G5.

Il risultato è a dir poco straordinario: laddove Apple e le altre aziende ed organizzazioni che realizzano browser sono da tempo passate ad Intel, grazie a TenFourFox un Power Mac può tuttora offrire, con un po’ di pazienza, accesso al web e alle ultime novità di HTML5 e Javascript, nonché essere compatibile con la maggioranza di add-on/estensioni per Firefox (ma non con i plugin per Flash e Java).

Si tratta non solo di un risultato tecnico notevole ma di una benedizione per quei vecchi Mac che si ostinano a funzionare e per i loro affezionati utenti, reso possibile dall’open/free software e dallo sforzo di appassionati che si ostinano a usare e supportare i vecchi computer con la mela morsicata.

TenFourFox ha un blog dove Kaiser documenta religiosamente lo sviluppo del browser e condivide informazioni e codice utile. Gli sviluppatori possono inoltre trovare i sorgenti sulla pagina Github, da cui si può scaricare un langpack, per localizzare il software in italiano.

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , , ,
 
2 commenti  


2 commenti »

  1. TenFourFox funziona molto bene.
    Una cosa c’è da dire: avendo un iBook G4 1,4Ghz (anno 2006) e 1,5 GB di RAM, nemmeno pochissimo, TenFourFox, unico browser con tutte le funzioni del web moderno che ho a disposizione su questa macchina, fa capire quanto è diventato pesante e avido di risorse il web di oggi.
    Il rendering di una pagina web, con tutti i suoi script eseguiti in locale, impiega a volte anche diverse decine di secondi ad essere visualizzata.

    commenti by maury — 11 novembre 2015 @ 10:37 pm

  2. […] G4 da meno di 1 GHz è un’esperienza frustrante, anche usando soluzioni provvidenziali come TenFourFox, ma c’è tanto altro che un “Classic Setup” può fare. Non pensiamo solo […]

    Pingback by Storie di Apple – Mac OS 9: ancora vivo e vegeto dopo 15 anni — 2 dicembre 2015 @ 12:51 pm

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin