Un anno di Mac Intel

 Articolo pubblicato il 10/01/2007 che parla di Calendario,Eventi,Hardware 

Il 10 gennaio 2007 segna un anniversario recente ma indubbiamente importante nella storia di Apple.
Un anno prima l’azienda presentava i suoi primi Macintosh con processori forniti da Intel, l’iMac e il MacBook Pro, capostipiti di un rinnovamento che nel corso del 2006 ha toccato tutti i modelli dell’azienda e ha aumentato ulteriormente la sua utenza, di cui la metà si è rivelata composta di neoacquisti provenienti dal mondo Windows.

Steve Jobs e Paul OtelliniL’annuncio del radicale cambio di CPU da PowerPC a x86 risale all’estate dell’anno precedente ma durante il Mac World del 2006 Steve Jobs, insieme al CEO di Intel Paul Otellini, a sorpresa anticipò i tempi della migrazione tirando fuori il desktop consumer e il portatile professionale che, al posto dei rispettivi G5 e G4, ora sfoggiavano il nuovo Intel Core Duo.

Alla modifica radicale dell’interno non corrispose però un adeguamento dell’estetica.
Nonostante lo stupore di molti siti e osservatori si trattava di una strategia con numerosi precedenti a Cupertino. Come già per il passaggio dai Quadra e Centris con Motorola 68k ai PowerMac con Power PC e più tardi dai PPC 604 e 603 al G3 la scelta di Apple fu ancora una volta di un passaggio “soft” e non traumatico, ma di continuità con il passato.

Seppure i nuovi computer erano sensibilmente più potenti e migliori dei precedenti il messaggio all’utente era “è tutto come prima” e il nuovo motore nel cofano non mutava di una virgola ma anzi proseguiva e consolidava la tradizione targata Macintosh dell’approccio facile, intuitivo ed amichevole (nonché sicuro) all’informatica.

Nota: l’evento citato è stato aggiunto al calendario di Storie di Apple.

Immagine tratta da www.engadget.com

Volete approfondire?

 
1 commento  


1 commento »

  1. […] Si trattava di una scelta che suscitò nell’immediato molti commenti negativi da parte dell’utenza storica, in molti casi ostile e denigratoria, anche per merito del marketing di Cupertino, verso i processori x86. Questi ultimi rappresentavano un mercato e un contesto tecnologico e culturale da denigrare se non addirittura “malvagio” per l’associazione storica con i sistemi operativi di Microsoft. Curioso notare che la data prevista per l’uscita dei primi MacIntel era stata prevista per un anno dopo, il 06/06/06, abbreviabile nel numero 666: in realtà non fu così e Apple con Intel anticiparono i tempi offrendo i primi modelli già a gennaio. […]

    Pingback by Storie di Apple » It’s true! — 7 giugno 2007 @ 6:08 am

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Aggiungete un commento

(necessario)

(necessario)




 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin