Il computer nello schermo

 Articolo pubblicato il 25/08/2015 che parla di Design,Hardware 

Alla fine dell’agosto 2004, Apple presentò il nuovo iMac G5. Philip Schiller, Vicepresidente del Worldwide Product Marketing dell’azienda, disse che tanta gente si sarebbe chiesta “Dov’è andato a finire il computer?”.

dovefinitoilcomputer

Il nuovo iMac era un capolavoro di miniaturizzazione tecnologica. L’intero sistema, schermo compreso, era spesso solo 5 cm, e non solo nascondeva l’unità centrale dalla vista dell’utente, ma nel pochissimo spazio a disposizione concentrava più potenza della precedente generazione di iMac.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Un anno di Storie di Apple su Tumblr

 Articolo pubblicato il 10/07/2015 che parla di Novità 

Nel luglio 2014 ho annunciato ai lettori anglofoni la nascita di una nuova risorsa online con “citazioni, immagini e altro materiale memorabile dalla Storia di Apple”: Stories of Apple su Tumblr.

Stories of Apple on Tumblr - header

Un anno più tardi noto con un certo orgoglio che l’iniziativa ha raccolto quasi 7200 follower e più di 600 post in archivio da leggere, apprezzare con un like e magari ripubblicare con un retumblr sul vostro account.

A tutti i post sono stati accuratamente apposti numerosi tag così che sia possibile recuperare tutti i contenuti su argomenti specifici, come il Lisa, Sir Jonathan Ive o i vari prototipi di Apple. Non solo: si possono anche fare ricerche per anno, ad esempio selezionando prodotti o avvenimenti del 1983, 1997, 2001 o del 2007 (sono sicuro che riconoscerete queste queste date come importanti).

Stories of Apple on Tumblr - July 2015

Ho da parte una gran quantità di citazioni, immagini, grafici, video, registrazioni audio, e nei prossimi mesi (se non anni) continuerò a pubblicare tutto su Tumblr. Lavorerò inoltre di accumulo e utilizzerò alcuni dei trend e argomenti che affiorano su Tumblr per realizzare approfondimenti sotto forma di post più canonici qui, sul sito web di Storie di Apple (nonché su Stories of Apple).

Nel frattempo vi ringrazio di continuare a leggere, ricondividere, commentare, suggerire e segnalare errori. E se non lo state già facendo seguite Stories of Apple su Tumblr!

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di ,
 
1 commento  

E allora fammi causa!

 Articolo pubblicato il 02/07/2015 che parla di Personaggi,Software 

Durante lo sviluppo del nuovo sistema operativo del Macintosh, il System 7, la Apple Computers era alle prese con i legali della Apple Corps dei Beatles. Le due aziende avevano già un patto risalente al 1981 che proibiva alla Apple Computers di operare nel settore musicale, ma nel 1989 si ritrovarono di nuovo in tribunale a causa dell’introduzione del MIDI e della registrazione audio sui computer Apple.

Jim ReekesUna delle caratteristiche del System 7 era un nuovo Sound Manager che sostituiva le vecchie API e, tra le altre cose, permetteva una riproduzione sonora di qualità molto più elevata. Vista la delicatezza della situazione, ogni novità nel settore audio veniva passata al vaglio dall’ufficio legale.

Jim Reekes, l’ingegnere che ha gestito lo sviluppo dell’audio dei Mac dal 1990 al 1999 e che, tra le altre cose*, ha prodotto l’accordo che accompagna l’avvio del computer, si sentì dire che uno dei nuovi suoni di avvertimento creati** per il System 7 era problematico. Secondo i legali di Infinite Loop era “troppo musicale” a causa del suo nome, “xylophone”, ed era quindi necessario ribattezzarlo.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

L’Apple I

 Articolo pubblicato il 29/06/2015 che parla di Eventi,Hardware 

Il 29 luglio 1975 vide la luce il primo computer vero e proprio realizzato da Steve Wozniak.

Woz_in__asciiart_sull_Apple_1__retrocomputing__musif____miai_a__Lecce_...adesso_allo_spazio_Arci_Zei___by_verdebinario

Agli inizi del marzo 1975 nella città californiana di Menlo Park, l’ingegnere informatico Gordon French organizzò nel suo garage la prima riunione dell’Homebrew Computer Club, in cui venne presentato l’Altair.

L’incontro fu di notevole stimolo per Wozniak, che vi partecipò con l’amico Allen Baum, e gli fece capire l’enorme potenziale dei microprocessori come l’Intel 8080 usato nell’Altair.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  

Indovina chi è (con Jobs e Wozniak)

 Articolo pubblicato il 09/06/2015 che parla di Personaggi 

La foto qui sotto è stata scattata nel 1977 alla West Coast Computer Faire, dove Steve Jobs e Steve Wozniak presentarono al pubblico l’Apple II, riscuotendo notevole successo.

Jobs, Wozniak and

Nell’immagine, oltre a Jobs e Woz (notevoli i suoi baffi, vero?), c’è un’altra persona importante per la storia di Apple a cavallo tra anni ’70 e ’80.
Non solo si tratta di uno dei primissimi “impiegati” dell’azienda californiana ma anche di un amico di lunga, lunghissima data di Jobs.

Riuscite a indovinare di chi si tratta?

Volete approfondire?

 
3 commenti  

Le mele di Apple

 Articolo pubblicato il 04/06/2015 che parla di Lo sapevate che... 

Gran parte dei prodotti di Apple, oltre al nome ufficiale, ne ha uno in codice, provvisorio o atto a celarne la vera natura durante lo sviluppo. Alcuni dei nomi in codice sono semplici sigle di numeri e lettere, ma molti altri sono presi in prestito da località, animali, oggetti, personaggi e altro caro ai progettisti o ai dirigenti.
In questa tradizione rientra anche una serie di nomi tratti da varietà o meglio da cultivar di mele.

Il primo e più famoso esempio è sicuramente quello del Macintosh.
Il nome fu originariamente scelto da Jef Raskin nel 1979 per il suo progetto di un computer economico e facile da utilizzare. La McIntosh era il cultivar preferito di Raskin, che ne cambio la grafia – invano – non tanto per camuffare il riferimento al frutto ma per evitare beghe legali con un omonimo produttore di apparecchiature HiFi.

Il secondo prodotto Apple con un nome in codice preso dalle mele risale all’inizio degli anni ’80. Si tratta del disco rigido esterno ProFile, utilizzabile con l’Apple III e il Lisa, e lanciato sul mercato nel 1981. Durante lo sviluppo il ProFile venne soprannominato Pippin, nome che ricorre in diverse varietà di mela e che venne affibiato anche ad altro hardware ideato a Infinite Loop l’Apple IIc.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , , , , ,
 
Avete dei commenti?  

La iPod Division

 Articolo pubblicato il 05/05/2015 che parla di Personaggi 

Nel maggio del 2004 Apple effettuò una riorganizzazione radicale della sua struttura, creando una “iPod Division”.

2004_ipod_with_earbudsFu una mossa necessaria a riflettere i cambiamenti in atto e a differenziare la gestione del settore computer dal resto, la cui importanza era in vertiginosa crescita, e segnò l’inizio di una trasformazione che sarebbe continuata negli anni seguenti.

Qualcosa del genere era già successo all’inizio degli anni ’80. Dopo un lungo periodo in cui l’azienda californiana aveva puntato su un unico prodotto, l’Apple II, la messa in cantiere di nuovi e ambiziosi progetti come l’Apple III, il Lisa e infine il Macintosh dettarono l’esigenza di differenziare e specializzare le risorse aziendali, dalla progettazione alla vendita passando per il marketing, l’assistenza e la documentazione.

In seguito la struttura aziendale di Apple si assestò sui due prodotti superstiti, con una divisione Apple II e una dedicata al Mac.

A partire dal 1993, con la dismissione dell’ultimo modello ancora in commercio di Apple II, l’organigramma di Apple rimase votato esclusivamente al Macintosh per oltre dieci anni. In questo periodo ci furono tentativi di differenziare l’attività con il Pippin oppure il Newton, ma la loro influenza fu passeggera e trascurabile sulle fortune e sulla struttura di Apple.

Tutto questo fino al 2001, quando venne lanciato il primo iPod.
[continua la lettura della storia]

Volete approfondire?
Ecco altri articoli che parlano di , , ,
 
Avete dei commenti?  


 


Basato su WordPress e sul tema Conestoga Street di Theron Parlin